Terrorismo internazionale, la Procura convalida il sequestro e i legali ricorrono al Tribunale del riesame

La Procura di Catanzaro convalida il sequestro di una serie di documenti per tre giovani El Bertarl Iassime, Elbertale El Arbi, Kharsoui Bdlrhanie, di nazionalità marocchina, indagati con l'accusa di associazione con finalità di terrorismo anche internazionale.

di Gabriella Passariello
18 marzo 2015
19:35
Condividi

E gli avvocati difensori Francesco  Iacopino e Valerio Murgano del foro di Catanzaro non ci stanno e hanno depositano al Tribunale del riesame l'istanza di dissequestro  di notebook, smartphone, sim card, libri e documentazione varia, scritti in lingua araba e in possesso degli indagati, portati via dagli uomini della Digos, sezione antiterrorismo,  ritenendo che il contenuto degli stessi possa riferirsi ad attività di proselitismo o divulgazione di ideologie finalizzate all'arruolamento ad organismi di natura terroristica, anche internazionale.  Non è la prima volta che persone appartenenti alla comunità islamica di Sellia Marina finiscono nel mirino di indagini della Divisione antiterrorismo. In più occasioni, peraltro, i servizi segreti italiani hanno individuato a Sellia Marina una cellula legata a presunte organizzazioni terroristiche di matrice islamica. E per questa ragione  già in passato la comunità di Sellia era stata al centro di indagini della Procura calabrese, indagini che si erano però concluse con un nulla di fatto. In carcere erano finiti l'Imam, il figlio e un altro giovane magrebino, indagati per il delitto di addestramento ad attività con finalità di terrorismo anche internazionale.  Ma i difensori degli indagati, gli avvocati Francesco Iacopino, Mariachiara Paone, Vittorio Platì e Vincenzo Galeota, giunti in Cassazione, erano riusciti a dimostrare l'insussistenza dell'ipotesi accusatoria. Gli indagati erano stati  scarcerati e risarciti dallo Stato per un per un importo complessivo di 180mila euro, per l'ingiusta detenzione subita. A questo punto, la parola passa al Tribunale del riesame, che dovrà decidere la legittimità del sequestro, impugnato dai difensori Iacopino e Murgano.


Gabriella Passariello

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Gabriella Passariello
Giornalista

Impegnata nel settore dell'informazione da undici anni, ha conseguito il titolo di giornalista professionista con una tesi sulla tragedia "del camping le Giare". Ha frequentato la facoltà di...

Lacnews24.it
X
COMMENTI
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio