“Little Tony” si sta spegnendo su un marciapiede. «Nessuno rimanga indifferente»

Il suo viso solcato dalle rughe e dalla fame. La metafora di una storia di emarginazione. È la storia di Giovanni che ogni mattina a Vibo Marina è in cerca di un’elemosina. Il nostro appello alle istituzioni e ai cittadini

di Redazione
lunedì 30 luglio 2018
13:21
2930 condivisioni
Giovanni a Vibo Marina
Giovanni a Vibo Marina

Le rughe della fame più di quelle dell’età che avanza scavano il suo viso debole e pallido. «Mi brucia lo stomaco, mi brucia lo stomaco» - dice. Accetta di parlarci solo ricevendo pochi spiccioli. Lui è Giovanni, fino a qualche tempo fa in cambio di una moneta regalava un sorriso e “Cuore Matto” a chiunque. Per questo, per molti, Giovanni è da sempre, semplicemente, Little Tony. La sua vita, oggi, lentamente si consuma su un marciapiede a Vibo Marina, dove di buon ora siede in cerca di un’elemosina. «Giovanni, stai male?» - gli chiediamo. Lui risponde: «Sì, sto male. Ho bisogno di soldi per mangiare». Affetto da un ritardo cognitivo, pensionato, Giovanni è la metafora di una storia di emarginazione. «Come possiamo aiutarti?». «Non voglio niente, cinque euro, poi lasciami in pace». Ma lui forse non è di soldi che ha bisogno ma solo di aiuto e di affetto. Spiega una ragazza che lo incontra ogni mattina: «Abbiamo provato a interessare alcuni familiari ma se tutti i giorni è qui e se sta sempre peggio evidentemente ciò non è servito. Un caso umano di fronte al quale nessuno può restare indifferente». Già, nessuno può restare indifferente, le istituzioni, tutte, i cittadini, tutti, aiutino Giovanni prima che il suo cuore matto smetta di battere.

 

Eppure Giovanni una famiglia ce l’ha. Ed è una famiglia che da sempre ha provato a stargli vicino e ad assisterlo. Ha anche una casa. Un alloggio popolare dove fa ritorno a sera, dopo il suo girovagare senza sosta. Ma ad avere la meglio è sempre il suo disturbo che lo spinge a rifiutare ogni assistenza, ad opporsi ai ricoveri in strutture protette, ad opporsi alle cure. Nonostante i tentativi e la vicinanza della sua famiglia d’origine che per lui si è sempre adoperata cercando di alleviare le sue sofferenze. Trovando, troppo spesso, la sua ferma resistenza.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: