Faida delle cosche di Oppido Mamertina, ecco la sentenza del processo Erinni

Le indagini si basavano sulle intercettazioni telefoniche di Simone Pepe, principale imputato. Il giovane si autoaccusava di alcuni omicidi compiuti, sostenendo che due dei morti ammazzati sarebbero stati dati in pasto ai maiali

di Redazione
lunedì 10 settembre 2018
19:52
5 condivisioni

La Corte d’Assise d’Appello di Reggio Calabria, presieduta dal giudice Silvia Capone, ha emesso la sentenza nei confronti dei 10 imputati nel processo “Erinni”. Una sentenza che riforma in maniera considerevole quella di primo grado della Corte d’assise di Palmi rigettando gran parte delle richiesta della Procura generale, rappresentata in aula dal sostituto procuratore generale Adriana Fimiani.

Le condanne e le assoluzioni

Al boss Rocco Mazzagatti sono stati comminati 19 anni e quattro mesi (20 anni e quattro mesi in primo grado), Simone Pepe 6 anni (15 anni), Leone Rustico 9 anni (10 anni), Pasquale Rustico 12 anni, Rocco Alessandro Ruffa assolto, Domenico Scarfone assolto (10 anni), Domenico Polimeni conferma a 16 anni, Giuseppe Ferraro conferma assoluzione, Valerio Pepe conferma assoluzione, Silvana Attenni conferma assoluzione.

Pepe: «Le vittime date in pasto ai maiali»

L’inchiesta “Erinni”, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, si concentrata sullo faida tre le cosche di Oppido Mamertina, Mazzagatti-Polimeni-Bonarrigo da una parte e Ferraro-Raccosta dall’altra. Le indagini si basavano sulle intercettazioni telefoniche di Simone Pepe, principale imputato. Il giovane romano si autoaccusava di alcuni omicidi compiuti durante la faida sostenendo che due dei morti ammazzati sarebbero stati dati in pasto ai maiali. Sia in primo che in secondo grado, però, quelle dichiarazioni non sono state ritenute credibili.

 

Leggi anche: Il processo “Erinni” crolla in Appello, pioggia di assoluzioni

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: