Sciopero Ryanair, l’odissea di una famiglia per raggiungere la Calabria

Lo stato di agitazione proclamato dal personale di cabina della compagnia irlandese ha comportato la cancellazione in Italia di 132 voli tra cui alcuni diretti a Lamezia

di Redazione
mercoledì 25 luglio 2018
16:58
13 condivisioni
L’aeroporto di Bologna
L’aeroporto di Bologna

Lo sciopero del personale Ryanair sta causando forti disagi anche per chi è diretto in Calabria da altri aeroporti italiani, nonostante inizialmente si pensasse che i voli nazionali non sarebbero stati interessati dallo stato di agitazione, proclamato prima dal personale di cabina di Spagna, Belgio e Portogallo, poi condiviso anche nel nostro Paese da Filt-Cgil e Uiltrasporti.

 

Da qui i disagi, che hanno determinato la cancellazione in Italia di 132 voli. Come avvenuto all'aeroporto Marconi di Bologna, dove sin dal mattino si sono formate lunghe file con la di 18 voli, 9 in arrivo e 9 in partenza. Tra i passeggeri rimasti a terra anche una famiglia di Rimini diretta a Lamezia.

 

«Si sapeva dello sciopero - racconta Francesco Barone all’Ansa - e così, nei giorni scorsi, ho chiamato per avere informazioni: mi è stato detto che se non avessi ricevuto un sms o una e-mail entro il 18 luglio, il volo sarebbe stato confermato. Non ho ricevuto nulla. Per maggiore sicurezza - aggiunge - ho chiamato anche ieri sia Ryanair che l'Aeroporto e mi è stato detto che tutto era confermato». Invece, una volta giunti in aeroporto, sono cominciati i problemi.

 

«Abbiamo fatto il check-in e ci hanno fatto accedere al tunnel che collega lo scalo all'aereo per l'imbarco - continua l’uomo -. Siamo rimasti lì tre quarti d'ora: c'era molto caldo, c'erano mamme con bambini piccoli che piangevano, due signore anziane si sono sedute a terra. Poi quando ci è stato detto che il volo era stato cancellato c'è stata una sollevazione popolare. Una persona che doveva andare a un matrimonio ha dovuto comprare un biglietto con un'altra compagnia, dei ragazzi diretti a Malta erano disperati perché avevano già pagato la macchina noleggio e la casa».

 

Alla fine, per raggiungere la Calabria e trascorrere finalmente le agognate vacanze, la famiglia riminese ha deciso di usare l’auto.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: