Rende, Cuzzocrea nominato da Oliverio per consentire a Manna di sopravvivere

I sei firmatari della nota chiedono trasparenza e onestà nelle scelte politiche e vanno al contrattacco

di Redazione
venerdì 3 agosto 2018
19:50
2 condivisioni

«Con la recente sentenza del Tar che ha accolto il ricorso del sindaco di Cosenza contro la nomina a commissario Atem 1 del consigliere comunale di Rende, Andrea Cuzzocrea, si è verificato esattamente quello che avevamo annunciato a suo tempo affidando le nostre perplessità ad una nota stampa il 10 aprile scorso.


La decisione assunta dal presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, di nominare il consigliere comunale (ex candidato sindaco) Cuzzocrea oggi in "quota" Manna, rispondeva a diverse esigenze ovvero sia quella di premiare il consigliere che garantiva la sopravvivenza dell'amministrazione Manna sia, pure, a "commissariare" sulla gestione Atem 1, il sindaco di Cosenza al quale senza il commissariamento sarebbe spettato di gestire l'intera procedura.

 

Oltre che sospetta di illegittimità la nomina del consigliere rendese, ciò che lasciava perplessi era proprio il fatto che a garantire la sopravvivenza di Manna fossero pero' entrambi i contendenti visto che sia Oliverio che Occhiuto a Rende sono indispensabili a Manna e, attraverso i loro rappresentanti in consiglio comunale, garantiscono quel solo voto in piu' necessario alla sua maggioranza.
In competizione oltre campagnano (e forse in vista delle regionali), ma ancora oggi nella stessa risicata maggioranza a Rende. Ma a Rende succede questo e altro.


Adesso che il Tar ha annullato la nomina del consigliere comunale voluto da Oliverio in contrapposizione a Occhiuto (al quale spettava di gestire l'Atem 1) dichiarando l'illegittimita' che anche noi avevamo rilevato, con la conseguenza di travolgere anche le delibere che come commissario Cuzzocrea si era attivato di far approvare a Rende e non solo, dobbiamo porci ulteriori domande.


Che senso ha avuto convocare consigli comunali, impiegare tempo e risorse pubbliche per attivita' inutili e travolte nel nulla?
Ancora, con un occhio a Rende, ci domandiamo su cosa si potra' reggere ancora la maggioranza (per un solo voto) di Manna?
Su quale delega, nomina, incarico, si reggera' ancora questa amministrazione negli ultimi mesi?
Una risposta l'abbiamo di sicuro, ovvero che il prezzo di certe "leggerezze" a pagarle alla fine sono sempre i cittadini.


Su cosa punterà Manna per quel voto in più in consiglio comunale, cos'altro e chi metterà sul tavolo la nuova offerta, il premio fedelta'?
Noi non chiediamo altro che trasparenza così come facemmo il 10 aprile scorso in occasione di quella strana nomina, e che le scelte si facciamo per tutelare interessi pubblici e non per esigenze contigenti della politica, perche' cosi' facendo come in questo caso non si va lontano e si sprecano risorse che meriterebbero d'essere utiizzate al meglio per soddisfare i bisogni, della gente».

 


Massimiliano De Rose 'Rende Cambia Rende'
Alessandro De Rango PD
Gianfranco De Franco 'Insieme per Rende'
Giuseppe Plastina 'Rende Riformista'
Valerio Cavalieri 'RCD'
Antonello Elia 'Gruppo misto – FdI'

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: