Movida selvaggia a Reggio, chiesto un incontro con il questore

Continuano le denunce della Confcommercio in merito all'attività abusiva esercitata dai proprietari dei chioschi i quali hanno trasformato la via Marina bassa in una vera e propria discoteca all'aperto: «È a rischio la sicurezza dei cittadini. Inoltre si tratta di concorrenza sleale verso i titolari dei lidi autorizzati»

di Redazione
15 luglio 2019
17:11
20 condivisioni

Nonostante la forti denunce della Fipe-Confcommercio di Reggio Calabria continua la movida "selvaggia" lungo la via Marina bassa. Nei giorni scorsi infatti, l'organizzazione datoriale aveva reso pubblico come i chioschi esercitassero, senza alcuna autorizzazione, attività di discoteca non autorizzata la quale continua senza sosta. «Eppure il problema esiste- scrive la Confcommercio in una nota stampa- ed è un problema non solo di sleale concorrenza verso l’ "operatore della notte" in regola, il quale viene danneggiato da un’attività  non autorizzata, ma soprattutto viene a mancare quella sicurezza necessaria per far vivere una movida tranquilla nel rispetto delle regole a tutela dei fruitori per la maggior parte costituita da giovani».

 

 

Ed è per questo che la sigla intende continuare a denunciare quello che sta accandendo in via Marina bassa diventata «una discoteca incontrollabile all’aperto, dove si balla e si beve in spregio a tutte le normative vigenti in materia sino a notte alta. A molti piacerà questa movida senza regole, chiosa l'organizzazione datoriole, tanta musica a volume altissimo con deejay e la strada usata come parterre da discoteca, ma siamo ben consci che se anche è giusto ed auspicabile che i ragazzi si divertano, gli stessi devono essere tutelati e la passeggiata a mare, fiore all’occhiello della nostra città, deve rimanere accessibile e vivibile per l’intera comunità, famiglie comprese. Le norme ci sono e vanno rispettate. È inammissibile-continua la nota stampa- che l’attività di controllo notturno non sia praticabile solo ed esclusivamente perché manca un servizio di vigili urbani. A tal proposito la Fipe-Confcommercio, fermamente convinta che il problema in ordine alla sicurezza pubblica esiste e non può essere in alcun modo trascurato, ha richiesto un incontro al Questore reggino, Maurizio Vallone, per affrontare in maniera integrata ed efficace il problema della sicurezza».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream