«Siamo i padroni dell'autobus», autista pestato per un rimprovero

VIDEO | È successo a Catanzaro. L'uomo è stato preso a cazzotti e trascinato per terra: «Gli avevo solo chiesto di non entrare dalla porta centrale»

di Luana  Costa
25 settembre 2019
13:36
574 condivisioni

È iniziata da un normale appunto rivolto da un autista dell'Amc a due utenti appena saliti sull'autobus, quella che poi è degenerata in una brutale aggressione. «Noi siamo padroni dell'autobus, facciamo quello che vogliamo anche senza biglietto» - sarebbero state le parole proferite dai due cittadini di etnia rom saliti a bordo dell'autobus ad una delle due fermate situate nel quartiere Aranceto nella periferia sud di Catanzaro. L'autista li aveva, infatti, invitati a salire a bordo del mezzo non dalla porta centrale ma da quella anteriore. «Lui ha continuato a insultarmi - racconta Giuseppe Roberti dipendente dell'Amc - per tutto il tragitto fino a piazza Garibaldi a Lido. Improvvisamente mi è arrivato un cazzotto in faccia ma io non mi ero accorto di nulla perchè ero al posto di guida e mi stavo assicurando che il mezzo non si muovesse. Sono trascorsi pochi secondi per capire quello che era successo, ho disinserito la marcia, inserito il freno a mano e sono sceso dall'autobus per recuperare gli occhiali che mi era volati per terra. Quando sono sceso dall'autobus mi hanno continuato a prendere a pugni trascinandomi giù. Mi hanno fatto male al polso, all'occhio e alla schiena». Un episodio che ripropone il tema della sicurezza nelle periferie a sud della città, dove vi sono interi quartieri in mano alla criminalità. «Credo che sia difficile svolgere questo servizio in alcune aree della città soprattutto di sera» - dichiara l'autista.

Luana Costa

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio