Prostituzione minorile, ai domiciliari don Felice La Rosa

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha accolto un'istanza di gradazione della misura custodiale presentata nell'interesse del prelato dagli avvocati

di Redazione
7 dicembre 2016
17:19
Condividi

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha posto agli arresti domiciliari don Felice La Rosa, 41 anni, l'ex parrocco di Zungri, nel Vibonese, arresto e condotto in carcere il 16 novembre scorso con l'accusa di prostituzione minorile e corruzione aggravata di minore.

 

 Vibo, prostituzione minorile: tre arresti. In manette anche un sacerdote

 

E’ stata accolta infatti un'istanza di gradazione della misura custodiale presentata nell'interesse del prelato dall'avvocato Francesco Sabatino. Nessuna novità per gli altri due indagati nell’inchiesta. Restano in carcere Francesco Pugliese, di 64 anni, il bulgaro Iliev Miroslav, di 28 anni. Nei loro confronti il Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta di scarcerazione.

 

Prostituzione minorile, don Felice La Rosa sospeso “a divinis” 

 

Secondo l'accusa, il bulgaro Iliev Miroslav in cambio di denaro avrebbe procurato ai primi due un quindicenne che si sarebbe prostituito dividendo poi i soldi - 50 euro a prestazione sessuale - con lo stesso straniero. Le indagini della squadra mobile di Vibo Valentia, diretta da Tito Cicero, proseguono per gettare luce su una vicenda che ha destato clamore nel mondo della Chiesa e nell'intera regione.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio