Prostituzione minorile, la Cassazione annulla la sentenza per don Tropea che torna in libertà

Ci dovrà essere un nuovo processo davanti alla Corte d'Appello di Messina, per il parroco di Messignadi accusato anche di adescamento. I giudici revocano gli arresti domiciliari

di C. M.
12 marzo 2018
11:22
Condividi
Don Antonello Tropea
Don Antonello Tropea

In accoglimento del ricorso presentato dagli avvocati Andrea e Giuseppe Alvaro la Corte di Cassazione, III Sezione Penale, ha disposto l’annullamento della sentenza di condanna emessa dalla Corte di appello di Reggio Calabria a carico di Don Antonio Tropea, parroco di Messignadi, con rinvio degli atti alla Corte di appello di Messina. Il giudizio di rinvio avrà ad oggetto sia le statuizioni inerenti la responsabilità che quelle concernenti il trattamento sanzionatorio.

 

La Corte di appello di Reggio Calabria, preso atto del dispositivo di annullamento pronunciato dalla Cassazione, ha disposto, in accoglimento dell’istanza presentata dai due legali, la revoca della misura degli arresti domiciliari in favore di Don Tropea il quale, per l’effetto, ha riacquistato la piena libertà.

 

Nel giudizio di primo grado, svoltosi dinanzi al GUP di Reggio Calabria, il sacerdote, che era stato arrestato a dicembre dell’anno 2015 e che era stato poi rinviato a giudizio in relazione ad otto capi di accusa, era stato assolto con formula piena, perché il fatto non sussiste, da cinque imputazioni, mentre era stato condannato alla pena di quattro anni di reclusione per i delitti di adescamento, detenzione di materiale pornografico e prostituzione minorile.

 

All’esito del giudizio di appello, celebratosi a giugno dello scorso anno davanti alla I Sezione penale della Corte di appello di Reggio Calabria, i giudici avevano riformato la sentenza di primo grado, assolvendo l’imputato, con formula piena e perché il fatto non sussiste, anche dal delitto di detenzione di materiale pornografico. Per i due residui capi di imputazione la pena detentiva era stata rideterminata in anni tre di reclusione.

 

Gli avvocati Andrea e Giuseppe Alvaro, che hanno difeso il sacerdote sin dall’inizio del procedimento penale, hanno proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza di secondo grado, sostenendo che la motivazione utilizzata dai giudici di merito per condannare  Tropea non era rispettosa dei requisiti di completezza e di logicità previsti dalla legge. I motivi di ricorso sono stati discussi dai due difensori all’udienza del 15 febbraio scorso, in esito alla quale la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza impugnata, con rinvio degli atti alla Corte di appello messinese.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

C. M.
Giornalista

Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogl...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio