Ponte di San Fili, l'Anas rassicura ma non invia dati. Di Natale: «Ci prendono in giro»

Dopo giorni di attesa, l'Ente nazionale per le strade ha risposto al consigliere provinciale che sollecitava di mettere nero su bianco le rassicurazioni circa lo stato del cavalcavia. Ma della documentazione tecnica, per il momento, nemmeno l'ombra 

di Francesca  Lagatta
sabato 20 ottobre 2018
19:09
92 condivisioni
Ponte di San Fili
Ponte di San Fili

La richiesta della documentazione integrale circa lo stato del ponte di San Fili che viene liquidata con l'ennesima rassicurazione da Anas senza il minimo riscontro e Graziano Di Natale, consigliere provinciale in forza al Pd, sbotta prima durante una diretta facebook, poi con la pubblicazione di un post al vetriolo. E' il riassunto di quanto è accaduto nelle scorse ore, perché le preoccupazioni per un'altra, ennesima possibile tragedia calabrese, stanno togliendo il sonno a centinaia di migliaia di cittadini e passeggeri che ogni giorno hanno la necessità di attraversare il cavalcavia che porta dritto nella città di Cosenza.

«Credono di poterci prendere in giro ma si sbagliano di grosso - ha scritto Di Natale - . Pubblico la risposta dell’Anas circa la mia richiesta di dati tecnici che comprovassero la stabilità e la sicurezza del Ponte di San Fili. Nulla di quanto richiesto mi è stato trasmesso, è un continuo scarica barile nell’indifferenza generale delle istituzioni».

La rassicurazioni di Anas

Effettivamente, nella mail ricevuta da Di Natale non si fa riferimento ad alcun dato relativo al sopralluogo e alle verifiche dei giorni precedenti. Il documento parla invece, e in modo piuttosto generico, delle modalità con cui si starebbe effettuando un monitoraggio continuo e costante dell'opera, ossia: ispezioni ricorrenti, che avverrebbero ogni tre mesi; ispezioni principali, a cadenza annuale, con controlli sistematici di dettaglio; ispezioni approfondite, laddove fosse necessario, secondo le necessità.

Inoltre, si tiene a precisare nel documento, «il personale tecnico di questa società provvede alla conservazione e all'aggiornamento delle schede relative agli elementi di ciascuna opera d'arte, ad uso interno». Ma per il momento non v'è traccia.

I presunti cedimenti strutturali

Dopo la tragedia di Genova dello scorso agosto, tutti i ponti d'Italia erano finiti sotto la lente di ingrandimento. Tra questi, anche il ponte che ricade nel Comune di San Fili, a ridosso della città di Cosenza, che a occhio nudo sembrerebbe avere qualche problema relativo al cedimento strutturale. In particolare, nel punto in cui si uniscono due giunti, il manto stradale sembra quasi sprofondare nel vuoto, immagini che rimandano al ponte di Celico, una manciata di chilometri più in là, divenuto tristemente noto alle cronache per i medesimi motivi. Per scongiurare ogni pericolo, Di Natale aveva chiesto e ottenuto il monitoraggio di alcuni da parte di Anas, la quale aveva assicurato che al di là dell'ordinaria manutenzione, il ponte di San Fili non necessiterebbe di alcun intervento.

La versione, però, ha convinto poco il consigliere di Natale, che li aveva incalzati chiedendo di poter visionare i dati del monitoraggio. La risposta alla fine è arrivata, ma non nel modo in cui evidentemente ci si aspettava, e dei dati tecnici, per il momento, nemmeno l'ombra.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream