Per Soumaila e gli altri: sit in della Cgil davanti alla Prefettura di Vibo

Il sindacato chiama a raccolta cittadini e associazioni per chiedere la dignità dei migranti dopo la tragedia del giovane ucciso a San Calogero e il respingimento della nave Acquarius 

13 giugno 2018
13:58
10 condivisioni

È stata confermata l'iniziativa prevista per venerdì 15 giugno, alle 10, con presidio di lavoratori davanti la Prefettura di Vibo Valentia, a cui parteciperanno anche partiti, associazioni e movimenti del territorio. Lo rende noto in un comunicato la Cgil di Vibo Valentia. La manifestazione avrà lo scopo di «esprimere solidarietà e vicinanza al giovane Soumaila Sacko, ucciso barbaramente a San Calogero, e condannare con costernazione e fermezza la scelta del Governo di chiudere i porti italiani impedendo di fatto l'approdo alla nave Aquarius con a bordo 629 migranti tra cui minori non accompagnati, bambini e donne incinte».

 

«Si tratta – si legge nella nota - di un atto di estrema gravità, che testimonia la deriva razzista che stanno segnando le politiche sull'immigrazione in Italia. La nostra mobilitazione pacifica vuole mette al centro le persone e i loro bisogni, lanciando un chiaro messaggio al Governo Nazionale: chiudere i porti significa negare il diritto all'esistenza di bambini, donne e uomini. Allo stesso tempo, come sindacato ci schieriamo al fianco di tutti quei sindaci delle città portuali italiane, fra cui il primo cittadino di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, che in queste ore hanno dichiarato la propria disponibilità ad accogliere la nave Aquarius e prestare i necessari soccorsi. Apriamo i porti, e restiamo umani».

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio