Tra servizi negati e formiche a spasso. Non c'è pace per l'ospedale di Locri

VIDEO-ESCLUSIVO | Per il nosocomio locrese sarà un altro weekend di passione. Intanto da 48 ore è guasta anche la tac della Radiologia e gli uffici amministrativi sono senza internet

di Ilario  Balì
sabato 9 febbraio 2019
12:01
90 condivisioni
Formiche su un termosifone dell’ospedale
Formiche su un termosifone dell’ospedale

Anche le formiche, nel loro piccolo, si riscaldano. Rievocando l’opera cult di Gino&Michele verrebbe da sorridere se non fosse che il tutto accade all’ospedale di Locri la cui condizione igienica, dopo il caso dell’erba selvatica nelle toilette, in questo periodo non è propriamente ai massimi storici. Tra la flora dei bagni e la fauna dei termosifoni nel corridoio, a pochi metri dallo sportello riservato al rilascio dei ticket, e ascensori non funzionanti, per il nosocomio locrese quello che inizia oggi sarà l’ennesimo weekend di passione.

 

Da 48 ore infatti la tac della Radiologia è andata ancora una volta ko, con le ambulanze costrette a sobbarcarsi la trasferta fino a Polistena per esami diagnostici, mentre sui monitori dei pc negli uffici amministrativi è comparso il cartello di assenza di segnale internet. Le strumentazioni obsolete unitamente ai servizi negati spingono molti pazienti a rivolgersi a strutture private, tra l’indifferenza dei vertici dell’Asp e la preoccupazione della Uil-Fpl, le cui denunce sulle carenze dell’ospedale locrese ormai non si contano più. «Non si può continuare così – sostiene il segretario del sindacato Nicola Simone – la situazione è nota da anni e pagarne il prezzo saranno anche i medici».

 

Intanto si attende l’esito della visita ispettiva del Nas di Reggio, la cui relazione sarà presto sul tavolo del commissario generale alla sanità calabrese Saverio Cotticelli verso cui sindaci e cittadini ripongono le ultime residue speranze di ripristinare servizi e condizioni accettabili per l’unico presidio sanitario presente sul territorio.

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista
Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il suo interesse è stato rivolto al giornalismo e alla comunicazione. A fine 2004 ha sostenuto il tirocinio universitario presso l’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria. Il contatto con un quotidiano vero e proprio nel 2006, da collaboratore con Calabria Ora (poi L'Ora della Calabria). La collaborazione si è intensificata dal 2010 fino alla chiusura (giugno 2014), periodo nel corso del quale alla normale attività di collaboratore è seguita quella di redattore. Da settembre 2015 a maggio 2016 ha collaborato come pagellista per la testata calciomercato.it. Da ottobre 2016 a maggio 2017 ha ricoperto l’incarico di redattore nel quotidiano regionale Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: