Ordigno rinvenuto a Bocale, la questura esclude l’intimidazione

Il residuato bellico era stato trovato davanti all’abitazione dell’ex procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro

di Redazione
domenica 22 luglio 2018
17:15
4 condivisioni
La Questura di Reggio Calabria
La Questura di Reggio Calabria

Non ci sarebbe un tentativo di intimidazione dietro il rinvenimento di un ordigno bellico davanti all’abitazione dell’ex procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, ma una semplice azione delle correnti marine. A precisarlo è la Questura della città dello Stretto in una nota.


«Il proiettile di artiglieria di fabbricazione tedesca risale alla seconda guerra mondiale – spiega il comunicato. Si tratta quindi di un residuato bellico, ragionevolmente trasportato dalla corrente marina sulla spiaggia di Bocale. Esso risulta peraltro totalmente inoffensivo poiché privo di spoletta e fortemente corroso dalla lunga permanenza in acqua marina. Il residuato è stato comunque posto a disposizione della competente Autorità Giudiziaria per gli accertamenti di rito. Le circostanze descritte inducono ad escludere azioni intimidazione al Dr. Di Landro» conclude la nota.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: