Operazione Vento dell’Est: raffica di assoluzioni a Catanzaro

In alcuni casi i giudici hanno dichiarato la prescrizione dei reati che andavano dallo sfruttamento del lavoro degli extracomunitari sino alla prostituzione

di Luana  Costa
23 giugno 2017
23:08
Condividi

Si è chiusa con una raffica di assoluzioni e di estinzione dei reati per intervenuta prescrizione il processo denominato “Vento dell’est” celebrato a carico di 23 persone accusate di aver organizzato un’associazione finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di delitti in violazione alle norme disciplinanti ingresso, soggiorno e collocamento al lavoro di clandestini extracomunitari ed, in alcuni casi, finalizzando tale attività all’avviamento dei soggetti all’esercizio della prostituzione o comunque allo svolgimento di attività implicanti sfruttamento sessuale.

 

Questi gli imputati: Sergova Gantcheva residente a Catanzaro 59 anni, Mauro Greco di Roccelletta di Borgia di 50 anni, Domenico Micò di Guardavalle di 51 anni, Rocco Micò di Soverato di 51 anni, Maurizio Camporato di Catanzaro di 54 anni, Giovanni Aloi di Catanzaro di 45 anni, Antonio Vitrone di Napoli di 65 anni, Michele Salvatore Vonella di Catanzaro di 58 anni, Gregorio Staglianò di Cardinale di 77 anni, Darena Vasileva bulgara residente a Napoli di 40 anni, Fortunato Bianco di Simeri Crichi di 61 anni, Dimitre Varbousky bulgaro di 32 anni, Mariana Varboska bulgara di 54 anni, Petrov Tsvetan Todorov bulgaro di 64 anni, Asen Tsvetanov Yankov residente a Polistena di 43 anni, Nadiya Vartsaba di Bivongi di 72 anni, Nikola Petrov Vlasev di Squillace Lido di 50 anni, Nunzio Caccamo di Villafranca di Verona di 62 anni, Francesco Fratto di Sellia Marina di 91 anni, Luigi Marchio di Petronà di 87 anni, Marziale Costa di Catanzaro di 58 anni, Atanaska Zhelyazkova Veleva di Plodiv di 61 anni.

 

Il Tribunale di Catanzaro in composizione collegiale ha assolto Asen Tsvetanov Yankov e Atanaska Zhelyazkova Veleva dall’accusa di aver compiuto atti diretti a favorire l’ingresso in Italia di numerose persone extrcomunitarie provenienti da paesi dell’Est europeo in violazione delle norme in quanto clandestine, oppure perché fatte giungere con il pretesto del turismo ma in realtà per essere successivamente avviate al lavoro nero ed alla prostituzione. I giudici hanno poi assolto Giovanni Aloi del reato di violenza di gruppo nei confronti di Tsvetanova Tatyana Todorova “perché il fatto non sussiste”. Assolti anche Domenico Micò, Rocco Micò e Sergova Gantcheva dal reato sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Nel caso di specie della cittadina Tsvetanova Tatyana Todorova illegalmente presente sul territorio italiano.

 

l Tribunale ha infine dichiarato di non doversi procedere per intervenuta prescrizione nei confronti di Sergova Gantcheva, Antonio Vitrone, Petrov Tsvetan Todorov, Michele Vonella, Gregorio Staglianò, Fortunato Bianco, Mauro Greco, Mariana Varboska, Nadiya Vartsaba, Darena Vasileva, Dimitre Varbousky, Maurizio Camporato, Giovanni Aloi e Nikola Petrov Vlasev.

 

Luana Costa

Luana  Costa
Giornalista

Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo...

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio