OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.

Operazione Terra bruciata, negati arresti: «Valutiamo il ricorso»

Il procuratore Mario Spagnuolo sulle decisioni del gip in merito alle 60 ordinanze cautelari, di cui 57 obblighi di dimora: «Abbiamo colpito i pusher che spacciano su Cosenza e Rende»

 

di Redazione
mercoledì 11 luglio 2018
15:58
4 condivisioni
Il procuratore Spagnuolo
Il procuratore Spagnuolo

«Stiamo valutando di fare ricorso contro la decisione del gip». Lo dice all'Agi il procuratore di Cosenza, Mario Spagnuolo, in riferimento all'operazione "Terra bruciata", condotta da Carabinieri Guardia di Finanza, che ha portato oggi all'esecuzione di 60 ordinanze cautelari consistenti in 57 obblighi di dimora e tre divieti di dimora. La Procura di Cosenza aveva, invece, richiesto molti arresti. «Abbiamo colpito, come gia' in altre operazioni simili, i pusher che spacciano su Cosenza e Rende - ha detto Spagnuolo - alcuni accusati anche di reati di usura e detenzione di armi. Tra di loro ci sono molti giovani e giovanissimi».

 

Leggi anche: Spaccio di droga, usura ed estorsioni. 60 misure cautelari a Cosenza -VIDEO

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: