«Licenziato dopo aver denunciato l'amianto»: continua la battaglia di Pulitanò

VIDEO-INTERVISTE | L'ex dipendente di Trenitalia: «Io trattato come un delinquente. L’azienda anziché mettermi da parte doveva premiarmi». Il 14 novembre iniziera il processo "di merito" contro il licenziamento. Colombo (Filt-Cgil): «Siamo al suo fianco»

di Angela  Panzera
lunedì 8 ottobre 2018
15:03
8 condivisioni

A Reggio Calabria si è svolto stamani l’undicesimo congresso della Filt-cgil. Mobilità, trasporti, infrastrutture ma, anche la tutela dei lavoratori: questi i temi trattati. Tra i presenti c’era Nino Pulitanò, già dipendente Trenitalia e responsabile della sicurezza che, dopo aver denunciato la presenza di tonnellate di amianto, in un deposito ferroviario nei pressi della stazione centrale, è stato licenziato. Il sito è stato poi bonificato; bonificato grazie alla sua attività.  «L’azienda anziché mettermi da parte doveva premiarmi- ha dichiarato Pulitanò alla nostra testata. I problemi che ho portato avanti erano problemi alla luce del sole. Mi hanno mandato a casa come un delinquente».

 

La lettera di licenziamento è arrivata nell’ottobre del 2017, poche ore dopo le sue dichiarazioni alla stampa. Per l’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono non c’è alcun collegamento tra i fatti. «È un caso- dice ai nostri microfoni. Non è una ritorsione. Abbiamo agito così a causa dei suoi comportamenti definiti da noi non conformi alle regole». Nonostante quanto dichiarato da Iacono la vicenda però è molto strana: Pulitanò rilascia l’intervista e nella stessa giornata viene licenziato.  Al momento però, è stata la stessa Trenitalia ad essere sanzionata. «I provvedimenti disciplinari-afferma Pulitanò- che hanno portato al mio licenziamento, già due si sono conclusi al Tribunale di Roma e sono stati entrambi a favore mio anzi l’azienda è stata condannata per il comportamento nei mi confronti».

 

 Il lavoratore quindi, si è opposto al licenziamento “per giusta causa” e affronterà dinnanzi al giudice del lavoro di Roma  il processo “ di merito” che inizierà il 14 novembre. «Lo scopo dell’azienda è quello di lasciarmi fuori per non portare avanti altre problematiche. Questa è la verità, chiosa Pulitanò. Sono io che devo decidere eventualmente se andare in pensione, non me lo possono imporre. Io però, sottolinea, determinati fatti li porterò alla luce lo stesso; anche se non rientrerò più in servizio. Ma non lo faccio per me ma, per i lavoratori che devo tutelare e che mi hanno votato per essere rappresentanti».

 

L’amarezza per lui è davvero grande ma, è anche grande la sua determinazione per aver fatto la cosa giusta. «In Italia abbiamo assistito a diverse stragi come quella di Pioltello, Viareggio, Andria, i dirigenti sono stati tutti premiati. Condannati dalla giustizia ma, premiati dalle aziende. Al posto di essere arrestati, sono stati promossi. Ed io che ho difeso la mia città, e i lavoratori da un problema molto grave, sono stato mandato a casa. Io ho salvato vite umane, ha concluso Pulitanò, loro hanno ammazzato». La sigla sindacale della Filt-cigl si dice al suo fianco. «Siamo vicino a tutti i lavoratori- ha dichiarato il segretario nazionale Natale Colombo- soprattutto vicino a quei lavoratori che hanno portato avanti battaglie giuste. Non solo per il profilo personale ma anche sotto il profilo collettivo».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: