Nascondevano la cocaina sotto il tetto, due arresti a Centrache

La perquisizione domiciliare è avvenuta a seguito di una serie di controlli antidroga predisposti dai carabinieri della compagnia di Soverato

di L. C.
mercoledì 11 luglio 2018
13:44
3 condivisioni

Tenevano la droga occultata sotto le tegole di un immobile. Per questa ragione sono scattate le manette nei confronti di Giuseppe Fabiano, 30 anni, e di Antonella Procopio, 26enne entrambi di Centrache. La perquisizione domiciliare è scaturita da una serie di indagini effettuate dai carabinieri della compagnia di Soverato tese al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. All’esito del sopralluogo i militari hanno rinvenuto tre involucri in cellophane contenenti 25 grammi di cocaina. Oltre alla droga i carabinieri hanno trovato e sequestrato anche un bilancino digitale di precisione, un block-notes e altri appunti manoscritti, contenenti indicazioni presumibilmente riconducibili a cessioni di stupefacenti, tuttora al vaglio degli investigatori.

 

Nella circostanza, ulteriori accertamenti esperiti unitamente a personale specializzato Enel hanno consentito di individuare un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica, realizzato mediante appositi bypass, sottoposti a sequestro. I coniugi, pertanto, sono stati tratti in arresto, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato di energia elettrica, e ristretti in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione. Questa mattina la prima sezione penale del Tribunale di Catanzaro ha convalidato l’arresto, applicando la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria tutti i giorni, dalle 15:00 alle 16:00, nei confronti di Procopio Antonella.

 

l.c.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

L. C.
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: