Polistena, multa salatissima per il titolare del “gregge sacro” che sversava nel fiume (VIDEO)

Sanzione di 37mila euro: le forze dell’ordine hanno riscontrato la mancanza di filtri per i reflui dell’ovile, sequestrando un’ingente quantità di prodotti caseari e una trentina di maiali

di Redazione
martedì 5 dicembre 2017
20:52
Condividi

Sono ancora le pecore a tenere banco a Polistena. Questa volta però sono state le forze dell’ordine, nell’ambito delle periodiche operazioni denominate “focus ‘ndrangheta”, ad accendere i riflettori sul problema delle greggi che si aggirano per il centro del paese. Ad essere attenzionato, in particolare, è stato un ovile presumibilmente abusivo, i cui reflui venivano smaltiti direttamente in un fiume, senza alcun sistema di filtraggio. Il titolare dell’azienda, proprietario di alcune delle pecore “cittadine”, è stato sanzionato con una multa di oltre 37mila euro anche per sfruttamento della manodopera non in regola e per mancanza dei registri previsti dalle normative in materia. Sequestrate, inoltre, ingenti quantità di prodotti caseari, latte e insaccati, nonché una trentina di maiali.

 


Il controllo è successivo all’inchiesta realizzata da LaC News 24 sulle greggi che quotidianamente attraversano il centro abitato di Polistena, creando problemi alla circolazione stradale e inevitabili situazioni di degrado. Un approfondimento giornalistico che non è andato giù al sindaco Michele Tripodi, che ha reagito parlando di «aggressione mediatica» e convocando un consiglio comunale ad hoc per giovedì prossimo.

 


Nel servizio di Agostino Pantano, andato in onda stasera nel Tg di LaC Tv, gli ultimi sviluppi della vicenda:

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream