A Mangiardi scorta per altri quattro mesi

Passo indietro del ministero dell’Interno grazie al ricorso al Tar. Ma il commerciante che ha denunciato i suoi aguzzini verrà tutelato solo fino al 31 dicembre

di Tiziana Bagnato
17 agosto 2016
11:17
Condividi

"Condizioni di eccezionale gravità ed urgenza". Sì, ma solo fino al 31 dicembre. Il Tar del Lazio interviene così sulla vicenda del testimone di giustizia Rocco Mangiardi a cui poco tempo fa il ministero dell’Interno ha revocato la scorta di cui fino ad ora aveva goduto, impegnandosi a fornire un agente di polizia che guidasse un auto messa a disposizione dallo stesso commerciante.

 

Una presa di posizione particolare quella presa dallo Stato e contro cui Mangiardi più volte si è opposto, segnalando, tra l’altro, come sia da ritenere improbabile che un agente possa tutelare la sua incolumità mentre è alla guida di un mezzo. Ora la decisione di prolungare la scorta fino al prossimo 31 dicembre riconoscendo "gravi pericoli per l'incolumità personale".

 

Rocco Mangiardi, proprietario di un esercizio di ricambi per auto, denunciando i suoi estorsori, membri del clan Giampà, ha costituito un esempio in una città in cui le attività commerciali sono continuamente aggredite dal racket. La riduzione della scorta è stata considerato un possibile disincentivo alla denuncia. Ora il passo indietro dello Stato, il riconoscimento del fatto che Mangiardi è esposto a gravi pericoli, ma la scorta per ora è a tempo determinato. Solo per altri quattro mesi.

 

Tiziana Bagnato

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Tiziana Bagnato
Giornalista

Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorat...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio