Ci risiamo, l'isola di Dino ritorna proprietà privata

Nel 2014 il tribunale di Paola l'aveva restituita al Comune di Praia a Mare dopo 52 anni dall'atto di compravendita, stipulato nel 1962. Ora l'annullamento della sentenza

di Francesca  Lagatta
sabato 9 febbraio 2019
11:17
509 condivisioni
L’isola di Dino
L’isola di Dino

Con la sentenza n. 161/2019 del 17/12/2018, pubblicata giovedì scorso, la Corte di Appello di Catanzaro ha annullato la sentenza di primo grado emessa nel 2014 dal tribunale di Paola, che 52 anni dopo restituiva l'isola di Dino al Comune di Praia a Mare. Tutto da rifare per i praiesi, dunque, anche se negli ultimi quattro anni, l'amministrazione guidata da Antonio Praticò non aveva mosso un dito né per valorizzarla né per renderla visitabile agli stessi residenti, i quali invece hanno dovuto far i conti con un rigido divieto di accesso che prima, quando era ancora di proprietà dell'imprenditore Domenico Palumbo, non esisteva.

Difetto di giurisdizione

I motivi che hanno spinto i giudici del tribunale d’appello ad annullare le decisioni dei colleghi paolani, risiederebbe nel «difetto di giurisdizione del giudice ordinario in favore del Commissario per la liquidazione degli usi civici per la Calabria, in ordine all’accertamento della esistenza, della natura e dell’estensione degli usi civici sull’Isola di Dino». In sostanza, dice la sentenza, doveva essere il commissario agli usi civici a dichiarare la nullità del contratto di compravendita, stipulato nel 1962, con il quale la società Isola di Dino S.r.l. acquistò l’isola, e non il giudice ordinario. Pertanto, allo stato i contratti sono da considerarsi in corso di validità, perché la sentenza di nullità è stata emessa da autorità non avente giurisdizione in tal senso.

Una vicenda ingarbugliata

Bisognerà adesso attendere le decisioni del ritrovato proprietario, l'imprenditore campano Domenico Palumbo, che in conseguenza della sentenza di primo grado aveva chiesto la restituzione della somma pagata nel 1962, 50.000.000 di lire, oggi rivalutata in circa 600.000 euro (rivalutazione monetaria Istat), più le somme spese per lo sminamento e per la realizzazione di opere infrastrutturali.

La reazione del movimento politico "L'Alternativa"

La notizia non ha lasciato indifferente il movimento politico guidato da Antonio Mandarano, che non ha partecipato alla scorsa tornata elettorale ma continua ugualmente ad occuparsi delle vicende cittadine. «A distanza di una settimana dalla pubblicazione della sentenza, dalla casa comunale tutto tace - ha scritto in un comunicato il coordinatore de "L'Alternativa"-. I cittadini praiesi e non, ricorderanno con quale enfasi il Sindaco e la maggioranza consiliare di allora, comunicarono gli esiti favorevoli della sentenza di primo grado, su tutti i media locali, regionali e nazionali. Allo stesso modo, vista l’importanza che riveste la vicenda, ci aspettavamo una presa di posizione netta e decisa da parte del primo cittadino di Praia a Mare, che invece ha incassato il colpo senza battere ciglio».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: