OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.

Incinta di un prete e “costretta” ad abortire, monsignor Nunnari: «Aggressioni pesanti come proiettili»

L’ex arcivescovo di Cosenza torna sulla vicenda della giovane che ha raccontato alla trasmissione “Le Iene” di avere avuto una relazione con un uomo di Chiesa che poi l'avrebbe indotta ad abortire, così come avrebbe fatto lo stesso Nunnari, all'epoca vescovo in carica

di Redazione
sabato 17 febbraio 2018
17:44
59 condivisioni
Mons. Nunnari
Mons. Nunnari

«Ho il timore che la 'democrazia della rete' di cui si parla con orgoglio ormai in tutto il mondo, alla fine rischi di provocare più danni di quanto non ne provocasse ai miei tempi, io ancora giovane sacerdote nella provincia di Reggio Calabria, l'urlo della lupara». Lo afferma, in una lettera aperta, l''ex arcivescovo di Cosenza, mons. Salvatore Nunnari, tornando sulla vicenda della donna che ha raccontato alla trasmissione "Le Iene" di avere avuto una relazione con un prete che poi l'avrebbe indotta ad abortire, così come avrebbe fatto lo stesso mons.Nunnari, all'epoca vescovo in carica. «Ormai sono vecchio abbastanza - scrive mons.Nunnari - per non temere più nulla, ma questa mattina per la prima volta nella mia vita mi sono ritrovato costretto a varcare il portone principale della Procura della Repubblica di Cosenza per denunciare le aggressioni subite in queste ore.

“Aggressioni pesanti come proiettili”

Aggressioni ingiuste, fuori da ogni regola deontologica, pesanti come proiettili, che entrano nella vita di un uomo in maniera dirompente, devastando e distruggendo quel poco di quiete che la vita ancora ti riserva. Mi sono chiesto mille volte in queste ore, perché così tanta cattiveria?, Perché proprio io?, Perché proprio ora? Che male avrò fatto davvero per meritare una campagna così denigratoria e pesante? Questa mattina sulla rete è comparso il post di un signore di Cosenza che propone per me l'isolamento a Porto Cervo. Cosa c'entra la mia vita con tutto questo? Credo di essere stato un buon prete. Credo di aver servito la causa del Signore fino in fondo, dall'inizio fino alla fine.

“Io, vescovo per caso”

Mi sono sempre considerato un 'Vescovo per caso', ma anche da Vescovo non ho fatto altro che pregare per il mio popolo, aiutare la mia gente, dare voce e correre incontro a chi in Calabria non ha mai avuto voce". "In questa vicenda umana, dolorosissima e tragica - dice ancora l'ex arcivescovo - non c'è nulla che possa chiamare in causa la mia responsabilità di uomo e di pastore della Chiesa. E per dimostrare le mie ragioni e la mia assoluta buona fede questa mattina ho chiesto l'aiuto della Giustizia. Al Procuratore della Repubblica ho chiesto di andare fino in fondo perché giustizia prevalga, perché verità sia fatta, sulle mille insinuazioni e accuse che continuano a piovermi addosso.

“Alleviare il dolore dell’anima”

Il solo vero conforto di queste ore sono le centinaia e centinaia di attestazioni di stima e di rispetto che ricevo, e di questo non finirò mai di dire grazie alla mia gente. Che Dio mi aiuti a superare questa triste vicenda. Prego Dio perché illumini anche la ragione e il cuore di questa giovane donna, ne rafforzi la volontà di elaborare il lutto, per alleviare il dolore dell'anima, per le decisioni prese tanti anni fa, quando ancora era molto giovane e inesperta».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: