Inchiesta Anas: resta in carcere Antonella Accroglianò

Lo ha deciso il tribunale del riesame di Roma che, accogliendo le richieste della Procura, ha confermato il carcere anche per gli altri quattro dirigenti dell'azienda

di Redazione
12 novembre 2015
12:40
Condividi

Resta in carcere Antonella Accroglianò, la cosiddetta “Dama Nera”, responsabile del Coordinamento tecnico amministrativo di Anas finita in manette il 22 ottobre scorso perché ritenuta il capo di un'associazione per delinquere finalizzata alla corruzione. Lo ha deciso il tribunale del riesame di Roma che, accogliendo le richieste della Procura, ha confermato il carcere anche per gli altri quattro dirigenti dell'azienda che gestisce strade e autostrade della penisola: Oreste De Grossi, Giovanni Parlato, Sergio Lagrotteria e Antonino Ferrante. Agli arresti domiciliari rimane l'imprenditore Giuliano Vidoni. Non avevano fatto ricorso al riesame, invece, altri quattro indagati finiti ai domiciliari, e cioè l'avvocato Eugenio Battaglia, gli imprenditori Concetto Bosco Lo Giudice e Domenico Costanzo e l'ex sottosegretario alle Infrastrutture Giuseppe Meduri. (AGI)

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
COMMENTI
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio