Granato (M5s): «Bimbi al freddo in una scuola di Reggio, Falcomatà intervenga»

La senatrice pentastellata sollecita l’interessamento del primo cittadino per l’istituto Radice Alighieri del quartiere Catona, dove gli alunni «sono costretti a seguire le lezioni con cappotti e guanti»

di Redazione
venerdì 11 gennaio 2019
19:21
Condividi
Una mano protetta da un guanto a scuola - Repertorio
Una mano protetta da un guanto a scuola - Repertorio

Sulla segnalata mancanza di riscaldamento nella scuola elementare Radice Alighieri del quartiere Catona di Reggio, la senatrice M5s Bianca Laura Granato, segretaria della commissione Istruzione pubblica e Beni culturali, sollecita il sindaco Giuseppe Falcomatà «ad attivarsi in prima persona per la pronta risoluzione del problema in via provvisoria e appena dopo definitiva». Lo riferisce un comunicato della parlamentare del M5s.


«Per quanto mi è stato riferito - prosegue la parlamentare - agli alunni è toccato un rientro “da brividi” dalle vacanze natalizie. Ora i minori sono costretti a seguire le lezioni con cappotti e guanti, scaldati da stufe elettriche portate da insegnanti e genitori».


Secondo la parlamentare «dopo la pomposa inaugurazione del plesso scolastico comunale atteso per sei lunghi anni, al momento non sono attivi i riscaldamenti delle aule, nonostante le temperature rigide dell'inverno, che mettono a dura prova la salute dei bambini. I tecnici comunali avrebbero riferito che i riscaldamenti non sono accesi perché ancora manca l'allacciamento alla rete del gas, il che sarebbe inaccettabile».


«Falcomatà si muova - conclude Granato - o mi rivolgerò al Garante regionale per l'infanzia. Inoltre, se necessario, il sindaco si adoperi perché vengano sanzionati i responsabili».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: