Catanzaro, prostituzione alla stazione ferroviaria. I residenti: «Lo sanno tutti»

VIDEO | La presenza delle giovani donne extracomunitarie è ormai radicata. Gli esercenti esasperati: «Le arrestano e poi il giorno dopo tornano di nuovo qui»

di Luana  Costa
mercoledì 23 gennaio 2019
15:41
545 condivisioni

Arrivano alla spicciolata con il favore delle tenebre ma già si aggirano fin dal primo pomeriggio nella zona. Giovanissime ma già ben avviate alla prostituzione, prendono posto davanti alla stazione delle Ferrovie della Calabria a Catanzaro Lido, dove non è difficile trovarle anche in pieno giorno. E difatti trascorrono appena pochi minuti che già il primo cliente si fa avanti. Un uomo maturo alla guida di una Jaguar accosta davanti alla porta della stazione, parla per qualche minuto con la giovane donna e si allontana.

 

«Si tratta di un problema che deve risolvere lo Stato» chiarisce il titolare di un'attività commerciale situata a pochi passi dalla stazione e che ogni giorno suo malgrado assiste al via vai di clienti attirati dalla presenza delle donne di origine extracomunitaria. «Garantisco che lo Stato è presente - aggiunge -, la polizia viene qua di continuo ma non da anni non si riesce a risolvere questo problema». Non sono stati pochi i blitz organizzati dalla polizia nella zona per tentare di limitare il fenomeno che si svolge anche alla luce del sole, a due passi da attività comerciali e sotto lo sguardo assuefatto di passanti e residenti. «Dietro vi è una grossa organizzazione - commenta un altro esercente - perchè la prostituzione viene gestita dalla 'ndrangheta, dai cittadini di etnia rom e foraggiata anche dalle cooperative che offrono ospitalità e cibo a queste donne. E' inutile nascondersi con la testa sotto la sabbia perchè lo sanno tutti nel quartiere. Lo sanno anche i poliziotti che pure vengono ma non possono fare niente. Ad esempio, l'altro giorno abbiamo dovuto chiamare i carabinieri perchè c'era una prostituta nel bagno della stazione ferroviaria con un minorenne. La donna è stata denunciata ma il giorno dopo era di nuovo qua». 

 

Luana Costa

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: