Rimossi i sigilli alla discoteca “Il blu” di Copanello

L'accusa per i titolari della struttura era di aver commesso un abuso edilizio. Ora per loro è arrivata l'assoluzione

di L. C.
20 aprile 2018
15:51
11 condivisioni

Assolti per non aver commesso il fatto. Così si è concluso il procedimento penale che vedeva imputati, con l’accusa di rimozione dei sigilli apposti a seguito di sequestro motivato da presunti abusi edilizi sulla nota discoteca “Il Blu” di Copanello, Ennio Spina e Nicola Frangipane rispettivamente difesi dall’avvocato Francesco Severino e Alessandro Palasciano.

 

Il giudice del Tribunale di Catanzaro all’ esito dell’istruttoria aveva rinviato all’udienza odierna per sentire le discussioni della pubblica accusa e dei difensori degli imputati. Ebbene, a fronte della richiesta avanzata dal pubblico ministero di condanna a quattro mesi ed duecento euro di multa, le difese hanno argomentato le proprie ragioni chiedendo l’assoluzione che, infine, è stata decisa.

 

 

l.c.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

L. C.
Giornalista

Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio