Cirella, comitato contro l'installazione dell'antenna telefonica di 5g

VIDEO | Si tratterebbe del quarto ripetitore di onde elettromagnetiche in pochi chilometri, a ridosso dalle abitazioni e delle strutture ricettive

di Francesca  Lagatta
venerdì 5 ottobre 2018
22:22
55 condivisioni

«Non è che non vogliamo le antenne, sarebbe sciocco affermare una cosa del genere, chiediamo soltanto che venga individuato al più presto un sito adeguato sia per la sistemazione della nuova antenna, sia per tutte quelle già esistenti vicine ai centri abitati». Sono le parole di Enzo Aita, cittadino diamantese e coordinatore del "Comitato contro l'inquinamento elettromagnetico di Cirella", fondato nel 2009 e "riesumato" nei giorni scorsi a causa dei sospetti sull'installazione di un nuovo ripetitore telefonico. 

Quattro antenne di telefonia mobile in pochi chilometri

Da giorni, alcuni incaricati starebbero aggirandosi nella frazione di Cirella in cerca di terreni disponibili per il lancio in zona dell'internet di quinta generazione, indicata con l'acronimo 5g (dall'inglese fifth generation). Secondi alcuni testimoni, gli addetti avrebbero già bussato a diverse porte e offerto appetibili contratti. 

L'incontro con il sindaco Gaetano Sollazzo

La notizia ha subito allarmato i residenti. Qualche giorno fa una delegazione ha incontrato il primo cittadino, il quale ha riferito che al momento non risulta essere pervenuta nessuna richiesta ufficiale relativa all'installazione di antenne telefoniche. Sollazzo ha anche assicurato che anche qualora la domanda dovesse arrivare nelle prossime settimane, l'amministrazione comunale si impegnerà per scongiurare l'arrivo di un altro impianto elettromagnetico a poca distanza dal centro abitato. 

Le promesse non mantenute di Ernesto Magorno

Già nove anni fa il comitato aveva protestato contro il terzo ripetitore telefonico, a causa di numerose patologie tumorali registrate negli abitanti delle zone limitrofe. In quella occasione i rappresentanti stilarono anche un elenco con i nomi e cognomi delle persone decedute e presentarono un esposto in procura. 

 

Ma fu una guerra persa, quella di allora, anche dal punto di vista della politica. Di quelle battaglie, infatti, rimangono le promesse mai mantenute dall'allora sindaco di Diamante, Ernesto Magorno, oggi senatore della Repubblica, che in una lettera del 18 giugno 2009 scriveva testualmente al comitato: «Intendo ribadire l'impegno assunto dall'amministrazione comunale, in fase di redazione P.S.C., relativo all'individuazione di un sito tecnologico adatto ad accogliere tutte le strutture destinate alle telecomunicazioni, nel quale verranno delocalizzate quelle già esistenti nel territorio comunale». 

 

Ma le antenne, nove anni dopo, sono ancora lì, a pochi metri dalle case e dall'inestimabile patrimonio storico e culturale dei ruderi del borgo medievale. Va inoltre precisato che la commissione del piano strutturale comunale a cui fa riferimento Magorno nel documento, vedeva tra i suoi componenti l'attuale sindaco di Diamante. 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: