Chiesta la condanna per le maestre accusate di maltrattamenti a bimbo disabile

L’inchiesta dei carabinieri, denominata “Don Rodrigo”, risale al 2011 e si avvale di riprese video e audio effettuate dai militari dopo la segnalazione di presunte vessazioni nell’asilo di Mileto

di G. B.
venerdì 11 gennaio 2019
15:38
9 condivisioni
L’aula di un tribunale
L’aula di un tribunale

Sei richieste di condanna sono state avanzate dalla procura di Vibo Valentia per le maestre di un asilo di Mileto accusate di maltrattamenti ai danni di un bimbo disabile. Queste le richieste di condanna: 2 anni e 4 mesi di reclusione per Adriana Mangone, 56 anni, e Francesca De Liguori Cimino, 51 anni; due anni per Elena Magliaro, 44 anni, Maria Teresa Spina, 64 anni, e Maria Rosa Riso, 44 anni; un anno e 8 mesi per Anna Maria Veneziani, 55 anni.


L’inchiesta dei carabinieri, denominata “Don Rodrigo”, risale al 2011 e si avvale di riprese video ed audio effettuate dai militari dell’Arma dopo la segnalazione di presunti maltrattamenti nell’asilo ai danni del bimbo disabile i cui genitori si sono costituiti parti civili nel processo con l’avvocato Giuseppe Di Renzo. Nel collegio di difesa figurano gli avvocati Enzo Gennaro, Tony Crudo, Nicola Riso, Salvatore Giordano. Tutte le difese hanno concluso, dinanzi al Tribunale monocratico di Vibo Valentia presieduto dal giudice Marina Russo, chiedendo l’assoluzione delle rispettive assistite e l’inutilizzabilità delle riprese video presenti in atti. Concorso in maltrattamenti l’accusa mossa nei confronti delle sei maestre sotto processo.


Nel luglio del 2011 a fare scattare l’operazione “Don Rodrigo” era stata un’informazione confidenziale raccolta dai carabinieri della Stazione di Mileto su presunti maltrattamenti all’asilo comunale ai danni di un bambino – all’epoca di 5 anni – con sindrome Adhd (ipervivacità). Ai militari dell’Arma venne recapitato, in forma anonima, un dvd contenente alcune immagini riprese con il telefonino. Da qui l’avvio delle indagini e il posizionamento, nei locali dell’asilo, di alcune telecamere che avrebbero filmato quanto nell’asilo avveniva. Le maestre, alcune delle quali finite all’epoca ai domiciliari, avrebbero vessato il bimbo colpendolo ripetutamente con schiaffi in diverse parti del corpo o tenendo nei suoi confronti comportamenti definiti dagli inquirenti prevaricatori e psicologicamente violenti.


Il bambino sarebbe stato bloccato con forza allo scopo di togliergli la tuta e impedirgli di prendere parte alla lezione di calcio, nonché sarebbe stato costretto a sedersi su una sedia che era stata poco prima bagnata, oppure sarebbe stato rinchiuso in un ripostiglio al buio e spaventato con l’arrivo di “Don Rodrigo” (da qui il nome dato all’operazione) che l’avrebbe punito per il suo comportamento indisciplinato. Le indagini sono state condotte dai carabinieri con l’ausilio di un esperto in psicologia infantile.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

G. B.
Giornalista
Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007. Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria Ora per la redazione di Vibo Valentia dal settembre 2007 ad ottobre 2009. Nello stesso periodo per il quotidiano Calabria Ora ha realizzato molteplici inchieste riguardanti l’intero territorio regionale. Da agosto 2010 ad oggi è collaboratore della Gazzetta del Sud, redazione di Vibo Valentia, con competenza in tutti i settori (sport escluso). Dal gennaio 2013 è corrispondente unico dell’Agi (Agenzia giornalistica Italia) per Vibo Valentia e provincia. Dal novembre 2015 al 29 dicembre 2016 è stato redattore e responsabile della cronaca nera e giudiziaria del quotidiano online calabrese Zoom24.it, giornale web che ha contribuito a far nascere. Nel gennaio 2011 dalla Fondazione dedicata a Giuseppe, “Pippo”, Fava (il giornalista ucciso da Cosa Nostra il 5 gennaio 1984) ha ricevuto a Catania il Premio Nazionale “Giuseppe Fava” conferito ai giornalisti “particolarmente impegnati nella battaglia contro le mafie”. Specializzato in cronaca giudiziaria, nera e giornalismo d’inchiesta, ha seguito i più importanti processi contro la ‘ndrangheta, la corruzione nella pubblica amministrazione e la malasanità celebrati negli ultimi dieci anni in Calabria. Alcune sue inchieste giornalistiche hanno portato al commissariamento di diversi Comuni del Vibonese per infiltrazioni mafiose.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: