Centro di Neurogenetica, rinviati di un mese i licenziamenti

In attesa di novità da parte del ministero della Salute, l’associazione per la Ricerca Neurogenetica ha deciso di posticipare la fine del rapporto di lavoro con dieci unità di personale

di Tiziana Bagnato
27 febbraio 2020
17:11
17 condivisioni

Avrebbero dovuto lasciare il Centro Regionale di Neurogenetica dal primo marzo i dieci dipendenti dell’Associazione per la Ricerca Neurogenetica che hanno ricevuto lettera di pre lincenziamento a causa dei mancati rimborsi dell’Asp.

 

Medici, infermieri, assistenti sociali e psicologi fondamentali per il funzionamento del Centro che senza corre il rischio di rimanere un semplice ambulatorio dopo avere già dovuto abdicare alla ricerca. Ora, dopo l’annuncio da parte del ministro alla Salute Speranza dell’avvio di un percorso che dovrebbe portare al salvataggio della struttura, l’associazione ha rinviato i licenziamenti di un mese.

 

«Avendo ricevuto incoraggianti segnali, abbiamo ritenuto opportuno procrastinare il preannunciato licenziamento di coloro che lavorano al centro al 31 marzo 2020. Questo naturalmente non significa abbassare la guardia, dobbiamo rimanere sempre vigili» - ha detto il presidente dell’associazione Antonio Laganà.

 

Anche se il Coronavirus sembra avere inghiottito qualunque altro argomento, il centro d’eccellenza guidato da Amalia Bruni attende l’avvio di quanto prospettato: il collegamento all'Azienda ospedaliera-universitaria Mater Domini di Catanzaro, che ne assumerà temporaneamente e funzionalmente la gestione, nelle more del perfezionamento dell’accordo con l’Inrca-Irccs di Ancona/Cosenza.

Tiziana Bagnato
Giornalista

Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorat...

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio