Detenuto si dà fuoco nel carcere minorile di Catanzaro

A darne notizia il sindacato di polizia penitenziaria Sappe: «Solo grazie al tempestivo intervento degli agenti si è riusciti a salvare la vita al giovane»

di Redazione
1 febbraio 2018
12:19
Condividi

Un detenuto di origine magrebina, già in passato protagonista di episodi analoghi, si è dato fuoco su tutto il corpo con del liquido infiammabile. È accaduto, nel pomeriggio di ieri, nel carcere minorile di Catanzaro. A darne notizia oggi sono Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del sindacato di polizia penitenziaria Sappe e Damiano Bellucci, segretario nazionale dello stesso sindacato.


«Solo grazie all'immediato intervento della polizia penitenziaria - si legge in un comunicato - si è riusciti a salvare la vita al detenuto, il cui corpo era ormai diventato una torcia umana. Infatti, gli agenti, senza tenere conto del pericolo che correvano anche loro, rischiando di bruciarsi, sono riusciti a togliergli di dosso gli abiti in fiamme ed a salvargli la vita. È opportuno - scrivono ancora - che l'amministrazione riconosca al personale intervenuto le ricompense previste dall'ordinamento. Ogni anno, ricorda il Sappe, la polizia penitenziaria salva la vita in carcere a oltre 1000 detenuti che tentano di suicidarsi».  Non si conoscono le ragioni del gesto estremo compiuto dal giovane detenuto.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio