Cucciolo gettato in un fosso nel Catanzarese, è grave

È successo a Motta Santa Lucia. Ares è stato soccorso da tre ragazzi che lo hanno poi affidato alle cure di un veterinario. A denunciare l’accaduto l’Enpa Calabria

di Redazione
giovedì 2 agosto 2018
16:39
11 condivisioni

É stato gettato in un fosso, in una zona piena di rovi, a Motta Santa Lucia, nel Catanzarese, e abbandonato al suo destino. Vittima dell'ennesimo caso di maltrattamenti di animali è Ares, un meticcio che sarebbe sicuramente morto se non fosse stato soccorso da tre ragazzi che si sono calati nel fosso, profondo tre metri, e lo hanno adagiato su una "barella", affidandolo poi alle cure di un veterinario. Ad attirare l'attenzione dei ragazzi i lamenti disperati del cucciolo che, evidentemente, doveva trovarsi in quella situazione già da molte ore, se non addirittura giorni. Le condizioni di Ares sono subito apparse critiche: affamato, magrissimo e infestato da parassiti, il cucciolo ha riportato ferite al cranio e alla spina dorsale. Attualmente il cane è in prognosi riservata. «Nelle ultime ore - spiega Antonio Pirillo, coordinatore regionale Enpa Calabria - le condizioni di Ares sono migliorate leggermente».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: