Il boss Muto ai domiciliari, l'avvocato: «Un detenuto comune dal nome pesante»

VIDEO | Secondo il legale Luigi Gullo, difensore dello storico re del pesce insieme a Nicola Guerrera, la scarcerazione è stata attuata secondo legge che prevede sconti di pena e benefici per gli ultrasettantenni 

di Francesca  Lagatta
16 settembre 2019
14:50
105 condivisioni
Franco Muto
Franco Muto

Il "Re del pesce", pseudonimo attribuito al boss di Cetraro Franco Muto, si trova agli arresti domiciliari perché «lo impone la legge per tutti i detenuti comuni ultrasettantenni, le sue condizioni di salute non c'entrano». Lo ha affermato all'Agi uno dei due avvocati, Luigi Gullo, per mettere a tacere le polemiche scaturite dalla concessione del beneficio e che hanno generato all'unanimità il disappunto del mondo politico. «Finché si registrano certe prese di posizione da parte di movimenti populisti che cavalcano questi argomenti o da chi milita in partiti che professano ordine e disciplina, la cosa non mi meraviglia - ha detto il legale -. Mi meraviglia, invece, che nel Pd ci sia chi rimanda ai libri di Gratteri (è il caso del senatore Ernesto Magorno, ndr) invece che alla Costituzione o ai codici». Il boss Muto era stato arresta durante una maxi retata messa a segno dalla Dda di Catanzaro nel 2016 e fino allo scorso luglio era detenuto nel carcere di massima sicurezza di Opera in regime di 41 bis. Dopo la sentenza del tribunale di Paola, che lo ha scagionato dalle accuse di associazione a delinquere di stampo mafioso, l'uomo era finito nel carcere ordinario per finire di scontare la pena di 7 anni e 10 mesi per intestazione fittizia di beni, con cui aveva eluso un provvedimento di confisca della Eurofish, società di vendita all'ingrosso e al dettaglio di pesce fresco e congelato. Reato, hanno accertato i giudici, aggravato comunque dal metodo mafioso.

«Un detenuto come gli altri»

Poi Gullo ha aggiunto: «Non si può essere garantisti solo quando arriva un avviso di garanzia al presidente della Regione, Mario Oliverio. Caduta l'associazione mafiosa - afferma ancora Gullo - Franco Muto è un detenuto comune, sebbene con un nome pesante. Per questo, come prevede la legge per gli ultrasettantenni, le sue condizioni prevedono che sconti la pena ai domiciliari». Quello di Muto è un nome pesante perché onnipresente nella cronaca nera e giudiziaria degli ultimi 30 anni. Secondo i giudici Muto sarebbe a capo dell'omonima cosca di 'ndrangheta che controlla il territorio del Tirreno cosentino. Anzi, sarebbe stato, perché negli ultimi tempi il clan, secondo la ricostruzione degli inquirenti, sarebbe finito nella mani del figlio Luigi, arrestato nella stessa operazione di tre anni fa, denominata Frontiera, e condannato con il rito abbreviato a più di 15 anni di carcere.

Muto è in buone condizioni di salute

Le condizioni di salute di Franco Muto, specifica l'avvocato, «erano compatibili con la detenzione, gli è stato invece riconosciuto il beneficio dovuto all'età avanzata. Il tribunale della Libertà ha solo preso atto della legge. Si tratta, peraltro, di una normativa votata proprio dal Pd nel 2014-2015». Le perizie, in effetti, sono state effettuate più volte, perché in diversi occasioni gli avvocati avevano invece dichiarato il contrario, e cioè che i gravi problemi di salute del loro assistito non avrebbero consentito la permanenza in carcere, in particolar modo quella in regime di 41bis. L'uomo, 79 anni, a gennaio del 2018 era stato finanche ricoverato in ospedale a seguito di un malore e ad ottobre di un anno fa gli avvocati aveva chiesto nuovamente la scarcerazione. Ma il Tribunale della Libertà finora l'aveva sempre respinta.

 

 

LEGGI ANCHE: Muto ai domiciliari, Viscomi: «Potrà dire di essere più forte dello Stato»

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio