Bomba nel Milanese per debiti usurai non restituiti, nove condanne

Nove anni e mezzo di carcere per Roberto Manno, figlio del presunto boss della 'ndrangheta Francesco accusato di tentata estorsione, estorsione e usura aggravata dal metodo mafioso

di Redazione
venerdì 7 dicembre 2018
07:46
3 condivisioni
Bomba nel Milanese
Bomba nel Milanese

Sono stati condannati rispettivamente a 9 anni e mezzo di carcere e a 5 anni e 2 mesi, Roberto Manno e Maurizio Schiraldi, nel processo abbreviato a Milano con al centro lo scoppio di una bomba davanti alla casa di un operaio ecuadoriano nell'ottobre 2017 a Pioltello, nel milanese, per un prestito a tassi d'usura non restituito. Il gup Guido Salvini ha inflitto a Roberto Manno (figlio del presunto boss della 'ndrangheta Francesco Manno), accusato di tentata estorsione, estorsione e usura aggravata dal metodo mafioso, anche 3 anni di libertà vigilata.

Sono stati poi condannati a 4 anni e a 3 anni e 2 mesi, Fabrizio Gambardella e Francesco Pentassuglia, accusati, a vario titolo, di estorsione, usura e violenza privata, così come Manuel Manno. Quest'ultimo è stato condannato a 6 anni e 4 mesi per estorsione e usura aggravati dal metodo mafioso. Inflitti, poi, 3 anni e 2 mesi a Filippo Manno e 2 anni e mezzo a Mario Signorelli. Condannati a 1 anno e mezzo di carcere (pena sospesa) Mihaita Radu e Alessio De Biase.

 

LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta: bomba esplosa a Pioltello, custodia cautelare in carcere per 3 persone

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: