Bagnara, dopo il maltempo crolla un costone e invade totalmente la strada

Ancora una frana nella cittadina tirrenica. Questa volta colpita la parte alta, dove una condotta fognaria è fortemente danneggiata

di C. M.
mercoledì 10 gennaio 2018
17:02
Condividi
Crollo costone a Bagnara
Crollo costone a Bagnara

Crolla un intero costone della collina della frazione di Santa Barbara ed è di nuovo emergenza a Bagnara. Nel pomeriggio di oggi, complici le incessanti piogge, che dalle sei di questa mattina stanno imperversando sulla cittadina della Costa Viola, una frana ha totalmente interrotto la circolazione nella zona alta di Bagnara Calabra, in prossimità di Pellegrina.

Secondo una prima ricostruzione, la strada principale che collega le piccole frazioni della cittadina tirrenica, già da qualche giorno stava dando dei segnali di cedimento che sono divenuti sempre più insistenti, fino a questo pomeriggio quando tutto è venuto giù. Non solo infiltrazioni d’acqua, però, ma addirittura una intera condotta fognaria, che serve la zona alta del comune. La copiosa perdita di liquame rende ovviamente tutto più difficile.

 

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, i carabinieri e il personale dell’Anas con un mezzo che sta già provando a rimuovere l’ostruzione che impedisce il transito. La situazione, però, sembra destinata a peggiorare con il passare delle ore, vista la particolare precarietà in cui si trova la strada.

c. m.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

C. M.
Giornalista
Consolato Minniti nasce a Reggio Calabria nel 1983. Sin da bambino mostra la sua passione per il giornalismo, rubando la macchina da scrivere alla mamma, per passare intere ore a imprimere sui fogli bianchi i suoi primi articoli “a colonne”.   La seconda guerra di ‘ndrangheta, vissuta negli anni dell’infanzia, lo porta a confrontarsi sin da subito con la piaga della criminalità organizzata. Durante uno dei tanti agguati, riesce a portarsi in salvo appena in tempo con la sua famiglia, prima che la scarica di piombo finisca una delle vittime predestinate, proprio davanti all’uscio di casa sua. È per questo che le letture approdano presto ai quotidiani locali e nazionali.   Inizia a collaborare a 19 anni con “Il Domani”, ma è nel 2006 che avvia la sua prima vera esperienza giornalistica di livello con il quotidiano “Calabria ora”. Dapprima collaboratore per la città di Reggio Calabria, un anno dopo diviene redattore ordinario e avvia il percorso che lo vede protagonista sino ad oggi, ossia quello riguardante la cronaca nera e giudiziaria. È quello il settore al quale decide di dedicarsi, consapevole del fondamentale ruolo giocato dal giornalismo d’inchiesta nel contrasto alla ‘ndrangheta.   Nel 2012 viene nominato caposervizio della redazione di Reggio per “Calabria ora”, ruolo che conserva sino alla chiusura del quotidiano nel frattempo divenuto “L’Ora della Calabria”. Nel 2014 approda al “Garantista”, sempre con la qualifica di caposervizio. Collabora con testate nazionali quali “L’Espresso” e “L’Avvenire”.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream