«Il papà sta consumando i suoi ultimi giorni, sia revocato l'esilio a Lucano»

Il Comitato Undici Giugno nato per sostenere l'ex sindaco di Riace annuncia la volontà di preparare un appello al presidente Mattarella per «porre fine a questa mostruosità giuridica»

di Redazione
18 agosto 2019
16:13
19724 condivisioni
Mimmo Lucano insieme al padre
Mimmo Lucano insieme al padre

«Il papà di Mimmo sta consumando gli ultimi giorni della sua vita. Crediamo che sia giunto il tempo di chiedere con forza e con tutti gli strumenti possibili la revoca dell'assurdo e giuridicamente inspiegabile esilio di Domenico Lucano. Va preparato un appello al presidente Mattarella per chiedergli di porre fine a questa mostruosità giuridica». Ad annunciare una nuova azione a sostegno dell'ex sindaco di Riace Mimmo Lucano è il Comitato Undici Giugno, il movimento che prende il nome dall'avvio del processo a carico dell'ex primo cittadino arrestato lo scorso ottobre con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e illeciti nell'affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti e ancora attualmente sottoposto al divieto di dimora. Il Comitato annuncia di voler fare appello stavolta direttamente al presidente della Repubblica: «Dopo il calvario di quest'ultimo anno - si legge nel post pubblicato sulla pagina facebook del Comitato . pensiamo che abbiano diritto, tutti e due (Mimmo Lucano e il papà, ndr), di salutarsi con serenità dentro le mura della loro casa».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream