Cosenza: “Agente aggredito da detenuti”

Il Sappe, nel denunciare l’episodio, rimarca la carenza di uomini, mezzi e risorse che interessa tutte le strutture della regione

di Redazione
4 ottobre 2017
18:18
Condividi

Alcuni detenuti ristretti nel reparto Alta Sicurezza della casa circondariale di Cosenza hanno aggredito un assistente della polizia penitenziaria in servizio nella sezione detentiva. L'agente è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso, i quali lo hanno dimesso con prognosi clinica di 15 giorni. L'episodio si e' verificato ieri, nel primo pomeriggio. A darne notizia, con un comunicato, è il Sappe, il sindacato degli agenti di polizia penitenziaria. "Sull'accaduto, che è oggetto di accertamenti da parte del personale della Polizia Penitenziaria – scrive l’agi - chiediamo che l'Amministrazione assuma provvedimenti disciplinari adeguati nei confronti dei detenuti, fermo restando le valutazioni di carattere penale, di competenza dell’autorità giudiziaria".

 

“Il personale non è sufficiente”

Il sindacato sottolinea che "la casa circondariale di Cosenza da mesi è priva del comandante del reparto titolare e, al 30 settembre scorso, a fronte di una capienza di 218 posti, ospitava 241 detenuti di cui 44 stranieri, mentre il personale in servizio non e' sufficiente, poiché' risultano effettivamente presenti solo circa 115 unita'. La carenza di uomini, mezzi, risorse interessa tutte le strutture della regione Calabria - denuncia il Sappe - e nonostante cio', l'amministrazione penitenziaria, in questi anni, ha aperto nuovi reparti detentivi, come a Catanzaro e Rossano (reparto dedicato agli AS2, detenuti per reati di terrorismo), nuovi istituti, come ad Argillà e Laureana di Borrello, ha aumentato i posti detentivi ma non il personale di polizia penitenziaria. In Calabria, cosa di non poco conto, ci sono circa 950 detenuti appartenenti al circuito Alta Sicurezza, i quali necessitano di maggiori controlli e spostamenti in diversi istituti, a causa dei tanti processi cui sono imputati. Adesso, nonostante le criticità esistenti, pare si voglia procedere all'apertura nella casa circondariale di Catanzaro del nuovo reparto del Servizio Multifunzionale Integrato di Assistenza Intensiva (S.A.I.) destinato all'assistenza sanitaria specialistica dei detenuti, senza procedere ad un adeguamento incremento dell'organico di Catanzaro e della regione Calabria, che ha un rapporto agenti/detenuti tra i piu' bassi del Paese. Nonostante ciò - denuncia il Sappe - sembra che il ministero non abbia alcuna intenzione di incrementare l'organico della polizia penitenziaria in Calabria".

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio