Sicurezza, a Catanzaro 150 nuove telecamere e lettori di targa

Il progetto finanziato dal ministero dell'Interno e dalla Regione sta per essere inviato a Roma. Gli ultimi dettagli sono stati discussi in una riunione tenuta questa mattina in Questura

di L. C.
27 novembre 2018
17:58
1 condivisioni

Palazzo De Nobili è pronta per inviare al ministero dell'Interno il progetto esecutivo del sistema di videosorveglianza che consta di 150 fra telecamere e lettori di targa, utile a monitorare tutte le principali arterie del capoluogo, in centro come in periferia.

 

A darne notizia il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, che ha anticipato come «gli ultimi dettagli al progetto esecutivo sono stati messi a punto questa mattina nel corso di una riunione tenuta in Questura, alla quale hanno partecipato gli operatori dell’ufficio tecnico di Polizia, dipendenti e dirigenti dell’amministrazione comunale. Il via libera ministeriale – il dicastero ha finanziato l’opera con 500mila euro, l’altro milione e mezzo dalla Regione, mentre il Comune ha in carico i costi dell’energia – dovrebbe arrivare in via definitiva nel giro di pochi giorni».

 

«Siamo ormai giunti a un punto cruciale prima dell’effettiva installazione e attivazione di un ampio sistema che aiuterà le forze di Polizia locale e tutte le Forze dell’Ordine, coprendo l’intero perimetro del capoluogo di regione», ha proseguito il sindaco. «È una buona notizia, Catanzaro sarà una città ancora più sicura», ha aggiunto Abramo ricordando che «questo nuovo sistema andrà ad integrarsi con le cento telecamere presenti nel centro storico, in zona stadio, San Leonardo e Santa Maria».

 

l.c.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

L. C.
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio