HA RACCONTATO L’INCHINO DELLA MADONNA AL BOSS, ORA E’ SOTTO SCORTA: ‘PERICOLO IMMINENTE’

Il giornalista del Quotidiano del Sud e dell'Ansa, Michele Albanese, viaggerà su un’auto blindata. La decisione è stata presa dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Reggio Calabria

18 luglio 2014
00:00
Condividi

REGGIO CALABRIA -  Michele Albanese, giornalista del Quotidiano del Sud e collaboratore dell'ANSA dalla piana di Gioia Tauro, è da ieri sotto scorta. La decisione è stata presa, è scritto in un editoriale del condirettore Rocco Valenti, dal Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica di Reggio Calabria nel corso di una riunione urgente convocata dal prefetto Claudio Sammartino.

 

Le motivazioni. "Una riunione - scrive Valenti - convocata sulla base di elementi in mano agli inquirenti che, evidentemente, hanno fatto pensare in modo univoco e netto ad un pericolo imminente per il giornalista del Quotidiano. Da dove questo pericolo venga è informazione riservata per gli investigatori, anche se è immaginabile che qualcosa contro Albanese stesse covando in ambienti della criminalità organizzata". Albanese viaggerà su un'auto blindata con la scorta della polizia. "Sapere - scrive Valenti - che un nostro collega sia costretto a vivere sotto scorta ci fa profondamente tristezza e per tanti motivi. Intanto perché nella vita reale la circostanza che un giornalista che fa semplicemente il suo lavoro, raccontando il suo territorio e anche le malefatte che in esso albergano, corra sol per questo pericoli seri è sconcertante. Poi perché questa Calabria capace di esprimere ancora queste cose non solo non ci piace, ma ogni passo che fa lo sottrae al futuro stesso dei suoi giovani. E poi perché, evidentemente, c'è ancora qualcuno che pensa che se in un giornale si riesce a far tacere un giornalista, allora quel qualcuno avrà risolto i suoi problemi".

 

La solidarietà dei colleghi. Il cdr del Quotidiano del Sud "fa quadrato attorno a Michele Albanese" e si dice "profondamente grato alle autorità per avere agito con grande professionalità e con grande attenzione nei confronti del nostro collega e di tutti i giornalisti che forze occulte, al di fuori di ogni legalità ed al di fuori di qualsiasi norma di vivere civile, vogliono ridurre al silenzio per continuare a svolgere le loro losche attività". La solidarietà della Fnsi. Inquietudine per il livello della scorta assegnata al giornalista del Quotidiano del Sud e collaboratore dell'ANSA, Michele Albanese, "che presuppone un pericolo reale" è stata espressa dal segretario generale della Fnsi Franco Siddi e dal vicesegretario e segretario regionale del sindacato giornalisti Carlo Parisi in una nota pubblicata sul giornale. "E' grave - proseguono - che in una società civile ci siano questi fatti che colpiscono persone che con il loro lavoro semplice, da api operaie, sono simbolo di un impegno per il riscatto morale della comunità di cui fanno  parte".

 

La solidarietà della Fnsi. Inquietudine per il livello della scorta assegnata al giornalista del Quotidiano del Sud e collaboratore dell'ANSA, Michele Albanese, "che presuppone un pericolo reale" è stata espressa dal segretario generale della Fnsi Franco Siddi e dal vicesegretario e segretario regionale del sindacato giornalisti Carlo Parisi in una nota pubblicata sul giornale. "E' grave - proseguono - che in una società civile ci siano questi fatti che colpiscono persone che con il loro lavoro semplice, da api operaie, sono simbolo di un impegno per il riscatto morale della comunità di cui fanno  parte".

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio