CASO OPPIDO, IL VESCOVO DI CATANZARO-SQUILLACE: ‘CERTIFICATO ANTIMAFIA PER LE CONFRATERNITE’

Prosegue la discussione interna alla Chiesa calabrese e sulla vicenda interviene, tramite l’Osservatore Romano, anche monsignor Vincenzo Bertolone

12 luglio 2014
00:00
Condividi

CATANZARO - C’è chi vorrebbe fermare le processioni, chi le processioni le ha davvero fermate, chi invece ritiene questo provvedimento inutile e c’è chi, come monsignor Vincenzo Bertolone, vescovo Metropolita di Catanzaro e Squillace, chiede l’obbligo di esibire il certificato penale per i membri delle confraternite e dei comitati delle feste patronali.

 

La proposta. L’acceso dibattito tutto interno alla chiesa calabrese si arricchisce di una nuova voce e di una nuova proposta. A lanciarla, dalle pagine dell’Osservatore Romano, è monsignor Bertolone, non un vescovo qualunque, ma il postulatore della causa di canonizzazione del beato padre Pino Puglisi, il prete ucciso dalla mafia a Palermo nel 1993. Per il capo della diocesi di Catanzaro e Squillace a mali estremi servono estremi rimedi e per evitare che casi come l’inchino di Oppido Mamertina possano ripetersi lancia l’idea del certificato anti-mafia per i membri delle confraternite.

 

Pugno di ferro. Per monsignor Bertolone dopo l’anatema lanciato a Cassano da Papa Francesco contro i mafiosi e gli ‘ndranghetisti non si può più tornare indietro. Serve un cambio di mentalità con regolamenti più incisivi e una formazione cristiana vera. Pugno di ferro e tolleranza zero, insomma. Bertolone come Nunnari, l’arcivescovo di Cosenza e presidente della Conferenza episcopale calabrese che a metà della prossima settimana si riunirà in seduta straordinaria allo scopo di trovare una linea unitaria.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio