Le maestose cicogne bianche hanno abbandonato Rende

Secondo gli studiosi la causa sarebbe da ricercare nella presenza invasiva dell'uomo. Qualcuno potrebbe essersi avvicinato troppo al nido spaventando gli uccelli

di Redazione
giovedì 5 luglio 2018
17:51
12 condivisioni
Una coppia di cicogne bianche
Una coppia di cicogne bianche

Un nido vuoto, senza esemplari adulti, né pulcini. Eppure avrebbe dovuto ospitare pulcini di 25-30 giorni, lontani dalla data dell'involo. Lo hanno scoperto i volontari della sezione Lipu di Rende impegnati nell'attività di monitoraggio e sorveglianza dei nidi di cicogna bianca in Calabria. «Cosa può essere successo - si chiede la Lipu - a questo sito riproduttivo che da alcuni anni è presente nella zona valliva del comune di Luzzi?

 

La cicogna non ha predatori naturali, né tantomeno gli adulti lasciano incustodito il nido durante la presenza della prole. L'unica ipotesi plausibile è un'azione di disturbo da parte dell'uomo. Persone, inconsciamente o volutamente, attratte dalla presenza degli uccelli potrebbero essersi avvicinate al nido, utilizzando canne o pertiche e fatto cadere i piccoli. Questi, una volta a terra, non essendo ancora in grado di volare, non riescono più a portarsi all'interno del nido e quindi sono oggetto di predazione da parte di animali selvatici o dell'uomo stesso».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: