Turismo, al via gli incontri per valorizzare parchi e riserve calabresi

Quattro gli appuntamenti in cui verranno illustrati gli interventi messi in campo dalla Regione Calabria attraverso un finanziamento di 30 milioni di euro

di Redazione
18 giugno 2019
13:16
60 condivisioni

Il 25 e 26 giugno, al Parco nazionale dell’Aspromonte (Castello di Scilla), Parco regionale delle Serre (sede di Serra San Bruno), Parco nazionale del Pollino (sede di Castrovillari) e al Parco nazionale della Sila (sede di Lorica), verranno illustrati gli interventi messi in campo dalla Regione Calabria, per la realizzazione, tramite importanti progetti di valorizzazione, di una destinazione unica delle Aree protette calabresi.

“Calabria parchi Turismo sostenibile”

Quattro incontri per conoscere e apprezzare lo straordinario capitale naturale della Calabria. Martedì 25 e mercoledì 26 giugno, i siti – insieme  alla Riserva della Biosfera “Mab Sila” Unesco, alla Riserva Naturale Regionale del Lago di Tarsia, alla Riserva della foce del fiume Crati, alla Riserva Valli Cupe, all'Area marina protetta Capo Rizzuto, all'Ente Parchi marini regionali - saranno assoluti protagonisti dell’evento volto a presentare, oltre ai progetti in cantiere, il brand “Calabria Parchi Turismo Sostenibile”. L’obiettivo è promuovere un approccio nuovo, di tutela, conservazione e valorizzazione dei luoghi, permettendone ai visitatori la più ampia fruizione.

30 mln di euro dalla Regione Calabria

Proprio con la consapevolezza del valore di questo patrimonio - e la convinzione che solo un’azione di sistema possa dare vita a una crescita significativa -, il Dipartimento Ambiente e Territorio della Regione Calabria ha presentato, in fase di programmazione del POR 2014-2020, un Piano d’azione rendendo disponibili importanti risorse finanziarie (30 milioni di euro). Saranno, dunque, gli interventi di medio-lungo periodo dell’amministrazione regionale a venire illustrati, insieme al grande cantiere verde” che, in corso d’opera, ha visto pure il pieno coinvolgimento degli enti gestori dei Parchi nazionali e delle Riserve regionali, delle università calabresi (Unical di Cosenza e Mediterranea di Reggio Calabria), dell'Arpacal e di decine di esperti naturalisti.

Tra i progetti finanziati dalla Regione Calabria, in particolare, figurano: il Monitoraggio, che ha lo scopo di analizzare, valutandone grado di compromissione e stato di conservazione, habitat e specie presenti sul territorio e soddisfare le direttive nazionali in favore dei siti di Rete Natura 2000; la Sentieristica, che ripristina i tracciati esistenti, crea nuovi itinerari, valorizzando i musei tematici e le aree di pregio, e offre in completa sicurezza servizi capaci di attrarre flussi di visitatori e turisti durante il corso dell’anno; il Marketing turistico Territoriale, finalizzato al potenziamento del patrimonio naturale attraverso interventi migliorativi degli standard di offerta come la messa in rete di prodotti, servizi e infrastrutture in grado di intercettare flussi turistici nazionali e internazionali; la Ciclovia dei parchi, destinata a realizzare un percorso cicloturistico che faccia fruire dei paesaggi della dorsale calabrese coi suoi geositi, alberi monumentali e borghi a valenza culturale.

Attività che, dal Pollino all’Aspromonte, passando per l’altopiano della Sila e ai boschi delle Serre, fino alle Aree ed ai Parchi marini, sono state pensate per creare autentiche sinergie tra i territori, i quali, per la prima volta tra loro, fanno rete.

Nel corso della due giorni, il programma registrerà, infine, gli interventi del presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, dell’assessore regionale all’Ambiente Antonella Rizzo, del dirigente Dipartimento Ambiente e Territorio Orsola Reillo, del dirigente Settore Parchi ed Aree naturali protette Giovanni Aramini e di tutti i rappresentanti degli Enti gestori delle Aree protette calabresi.

 

 

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio