Smaltimento rifiuti, la Regione chiede 50 milioni ai Comuni

Il conguaglio consentirà di assicurare il pareggio e coprire il buco nel bilancio regionale. Le amministrazioni costrette a mettere mano alle casse: Reggio Calabria dovrà versare quasi 5 milioni di euro

di Luana  Costa
martedì 12 marzo 2019
09:35
6 condivisioni

Sono ufficialmente partiti i rastrellamenti nelle casse dei Comuni calabresi. A dare la stura all'operazione di recupero crediti il dipartimento Ambiente della Regione Calabria che, constatato il buco milionario presente nel bilancio per i costi sostenuti a titolo di smaltimento dei rifuiti, ha deciso di fare quattro calcoli e spedire il conto alle amministrazioni locali. Tutta la documentazione che contiene la differenza tra "costi sostenuti e incassi percepibili" è stata trasmessa ai Comuni poco più di due settimane fa, dopo una serie di incontri avvenuti alla Cittadella e il raggiungimento di un accordo che prevede il riparto degli importi in un lasso di tempo di dieci anni. 

 

Sono complessivamente 48 i milioni che la Regione spera di recuperare dai Comuni attraverso il sistema del conguaglio "al fine di assicurare l'indispensabile pareggio di bilancio". E vi sono amministrazioni che si sono viste addebitare cifre monstre come ad esempio la città metropolitana di Reggio Calabria con un importo in recupero del valore di quasi cinque milioni di euro (4.891mila euro) o quella di Crotone che dovrà versare alle casse regionali quasi tre milioni di euro (2.804mila euro). Non restano indietro gli altri comuni con Lamezia Terme che vanta un debito di oltre due milioni di euro (2.300mila euro) e Catanzaro con poco meno di due milioni (1.700mila euro). Chiudono quasi in pareggio Cosenza e Corigliano con un milione e 300mila euro a testa, importo a cui con ogni probabilità dovrà aggiungersi quello accumulato dal Comune di Rossano pari a un milione e duecentomila euro. Chiudono la classifica dei grandi comuni Vibo Valentia e Rende rispettivamente con un debito di un milione e 100mila euro.

 

Luana Costa

 

 

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: