Liquami invadono la strada e si riversano in mare, disagi a Ricadi -VIDEO

Alcuni villeggianti esasperati hanno documentato quanto accaduto nella baia di Santa Maria, nota località turistica vibonese

di G. B.
venerdì 27 luglio 2018
11:52
111 condivisioni

Santa Maria di Ricadi, ancora disagi per turisti, bagnanti e residenti. Acqua maleodorante e fogna si stanno riversando liberamente in strada e quindi a mare nella baia di Santa Maria. La fogna dopo aver attraversato tutta la discesa che conduce al Petit Suisse, si è riversata in spiaggia cancellandola per un tratto e originando una pozzanghera che finisce a mare. Il tutto proprio accanto a noti villaggi turistici e ad una struttura alberghiera.

Una vergogna filmata da alcuni turisti esasperati per i disservizi (l`intera via è stata tappezzata dal Comune da strisce blu) e per dover assistere a spettacoli indecenti in pieno giorno nel cuore della stagione estiva. Un pessimo biglietto da visita per Capo Vaticano e dintorni e non è neppure la prima volta. Un libero sversamento di liquami che urge al più presto fermare.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

G. B.
Giornalista
Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007. Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria Ora per la redazione di Vibo Valentia dal settembre 2007 ad ottobre 2009. Nello stesso periodo per il quotidiano Calabria Ora ha realizzato molteplici inchieste riguardanti l’intero territorio regionale. Da agosto 2010 ad oggi è collaboratore della Gazzetta del Sud, redazione di Vibo Valentia, con competenza in tutti i settori (sport escluso). Dal gennaio 2013 è corrispondente unico dell’Agi (Agenzia giornalistica Italia) per Vibo Valentia e provincia. Dal novembre 2015 al 29 dicembre 2016 è stato redattore e responsabile della cronaca nera e giudiziaria del quotidiano online calabrese Zoom24.it, giornale web che ha contribuito a far nascere. Nel gennaio 2011 dalla Fondazione dedicata a Giuseppe, “Pippo”, Fava (il giornalista ucciso da Cosa Nostra il 5 gennaio 1984) ha ricevuto a Catania il Premio Nazionale “Giuseppe Fava” conferito ai giornalisti “particolarmente impegnati nella battaglia contro le mafie”. Specializzato in cronaca giudiziaria, nera e giornalismo d’inchiesta, ha seguito i più importanti processi contro la ‘ndrangheta, la corruzione nella pubblica amministrazione e la malasanità celebrati negli ultimi dieci anni in Calabria. Alcune sue inchieste giornalistiche hanno portato al commissariamento di diversi Comuni del Vibonese per infiltrazioni mafiose.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: