Una giornata all'insegna dell'ecologia per ripulire la statale 106

La campagna è stata organizzata dal Comune di Cirò, insieme ad Anas, Legambiente e Basta Vittime sulla 106

di Giuseppe Laratta
sabato 7 luglio 2018
16:38
29 condivisioni

“Di tutto, di più” recitava il claim di un vecchio spot di mamma Rai. Di tutto, di più è quello che hanno trovato i volontari sulla strada statale 106, nel tratto di Cirò, nel crotonese, durante la giornata ecologica promosso dall'amministrazione comunale, insieme ad Anas, Legambiente e all'associazione Basta Vittime sulla 106. Dai bordi della nota “strada della morte”, sono riapparsi vecchi pneumatici, bottiglie di ogni tipo, materassi, sedili e altri pezzi di automobili. In pratica, una discarica a cielo aperto.

 

«È una grande giornata per l'ambiente e per i cittadini – ha dichiarato ai nostri microfoni il sindaco cirotano Francesco Paletta – credo che questo sia l'esempio di un percorso virtuoso che stiamo avviando verso la tutela dell'ambiente. Ho accolto favorevolmente l'invito di Anas, Legambiente e dell'associazione Basta Vittime sulla 106; credo che sia un buon motivo per dire alla gente di stare attenta a quello che lascia in giro, perchè i rifiuti sono un qualcosa che ritorneranno ai loro figli. Questa sensibilizzazione è un qualcosa di importante che deve essere recepita; noi faremo la nostra parte anche in futuro, installando insieme ad Anas delle videocamere per scoraggiare i potenziali trasgressori, e per tutelare l'ambiente».

 

«Questa giornata si inserisce nell'ottica della ventiseiesima edizione di “Puliamo il mondo” - ha dichiarato il presidente del circolo Legambiente Nicà di Scala Coeli, Nicola Abruzzese – vogliamo dare un segnale ai cittadini che abbandonano i rifiuti affinchè non facciano queste sciocchezze: si tratta di una “violenza” nei confronti dell'ambiente e della nostra bella Calabria. Invitiamo tutti i cittadini che hanno difficoltà nel fare la raccolta differenziata a chiedere delucidazioni ai Comuni. Siamo a buon punto con la differenziata, e non vediamo il perchè di questo continuo deturpare l'ambiente».

 

«Ritengo che questi momenti siano importanti – ha dichiarato Francesco Sicilia, presidente onorario del circolo Nicà, ed esperto in tematiche ambientali – per dimostrare innanzitutto che ci sono luoghi della nostra terra che vengono utilizzati come discariche abusive. L'obiettivo dell'iniziativa è sensibilizzare i cittadini, perchè alla fine, quando si trovano disagi di questo tipo, sono dei costi che gravano su tutti poiché sono luoghi deturpati da bonificare. Stiamo cercando di differenziare più materiale possibile, cercando di avviare a riciclo tutti questi materiali con l'ausilio del Comune».

 

«È una bella giornata – ha dichiarato Fabio Pugliese, presidente dell'associazione Basta Vittime sulla 106 – siamo insieme al circolo Nicà e al Comune di Cirò. Il sindaco che raccoglie l'immondizia e che si mette in prima persona a fare questa operazione è un esempio straordinario, insieme agli uomini di Anas , per dare un segnale ai cittadini: il verde è di tutti, l'ambiente è di tutti, e la bellezza della nostra Calabria deve essere salvaguardata a partire dai luoghi di transito come la 106. Questo schifo (riferendosi a tutto il pattume presente a bordo strada n.d.r.) è intollerabile; è importante che ogni cittadino che vede qualcuno buttare qualcosa ai lati della strada, faccia una foto alla targa e denunci».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: