Pazzi per il foliage? Ecco dove vivere l’autunno a colori in Calabria

Dal Parco del Pollino alla Sila, l'area delle Serre e l’Aspromonte: il panorama si tinge di oro e di rosso grazie alla graduale variazione delle foglie. Veri e propri itinerari turistici per immergersi in una suggestiva esperienza cromatica  

 

di G. D.A.
sabato 22 settembre 2018
17:50
598 condivisioni

Dal verde al giallo. Il rosso acceso e le diverse sfumature dei colori della terra. Si chiama “foliage” ed indica la variazione graduale delle foglie durante il periodo autunnale. Osservare i panorami in mutamento nella “stagione dell’oro” è divenuto, negli ultimi anni, un vero e proprio appuntamento. Sono così tanti gli appassionati, escursionisti, fotografi professionisti o amatoriali ad attenderlo che sono nati dei veri e propri pacchetti turistici. La Calabria, con i suoi monti e boschi, occupa un ruolo di primo piano in questa inedita esperienza cromatica. Ecco siti e percorsi da realizzare nella nostra regione.

Parco nazionale della Sila

È situato nel più grande altopiano d'Europa, all’interno di un’area di interesse naturalistico, ambientale e storico-culturale. Costituito da Sila Grande, Sila Greca e Sila Piccola, si estende per oltre 73mila ettari coinvolgendo 19 comuni e le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone (foto Camigliatellosilano-eu). Visitarlo in autunno è ancora più suggestivo grazie alla presenza di aceri, pioppi, faggi, castagni che disegnano una tavolozza magica. Il sito è stato inserito all’interno degli itinerari consigliati dal Touring club nazionale accanto a prestigiose località come la foresta umbra, la faggeta della Val Masino (Sondrio), i boschi dei monti biellesi.

Parco nazionale dell’Aspromonte

Undici sentieri per il Parco sito in provincia di Reggio Calabria. Da ammirare, boschi d’alto fusto di leccio che, per estensione e caratteristiche, rappresentano esempi unici a livello nazionale. Sono non a caso considerati laboratori a cielo aperto dove comprendere le dinamiche evolutive che la natura mette in atto. Dalle maestose pinete alle faggete, nel “polmone verde” della Calabria meridionale cresce rigoglioso il farnetto, una quercia dalle grandi foglie e dai profondi lobi. Tra le località dove è possibile osservare questi giganti della terra, anche la vallata delle Grandi pietre. Scrigno prezioso di biodiversità, qui si recano molti studiosi per condurre ricerche anche a livello internazionale.

Parco naturale delle Serre

È il regno dei castagni, del pino laricio, del faggio e dell'abete bianco. Anche il pioppo, salice, acero e il tasso hanno trovato qui le condizioni ideali. Il Parco delle Serre comprende un'are di oltre 17mila ettari e ricade in 26 comuni calabresi e le province di Vibo Valentia, Reggio Calabria e Catanzaro. Chi giunge nel comprensorio di Vibo Valentia, in particolare, non può non far visita all’eremo di Santa Maria del bosco, custodito da alberi secolari e giovani faggi. Un luogo d’intensa spiritualità dove entrare in sintonia con la natura. Qui, dove continuano a vivere in solitudine e contemplazione i monaci, trascorse gli ultimi dieci anni della sua vita e morì il santo Bruno di Colonia.

 

Parco nazionale del Pollino

Il pino loricato è il simbolo del Parco del Pollino, la più grande area protetta di nuova istituzione in Italia. Tocca le regioni della Calabria e della Basilicata e ospita formazioni forestali di estrema rilevanza naturalistica. Tra queste, le acerete del Monte Sparviere, nel versante ionico che raccolgono in una singolare convivenza ben cinque specie di acero. Un territorio vitale e dinamico dove svolgere le più svariate attività: dall’arrampicata, al turismo equestre, fino al trekking e al rafting.

g.d'a.

 

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

G. D.A.
Giornalista
♠Ha conseguito la maturità classica presso il liceo classico “Michele Morelli” di Vibo Valentia. Nel 2013 ha acquisito la laurea in Scienze giuridiche, Facoltà Giurisprudenza, Università Cattolica del Sacro cuore in Milano. Giornalista pubblicista, dall’aprile 2013 ad oggi collabora come corrispondente con la testata giornalistica "Il Quotidiano del Sud". Parte integrante della manifestazione culturale "Festival Leggere&Scrivere" del Sistema bibliotecario vibonese; ha curato nel 2015 e 2016 l'ufficio stampa. Sempre nel 2015, addetto stampa nella manifestazione “Dieta Mediterranea, percorsi di consapevolezza del riconoscimento Unesco”, eventi in collaborazione con il Museo archeologico nazionale "Capialbi" di Vibo Valentia. Nelle prime due edizioni del "Festival per l'economia", aprile 2015 e 2016 a Vibo Valentia, ha ricoperto la carica di ufficio stampa. Nella sezione fotografia, nel giugno 2015 e nel giugno 2016, è stata scelta tra i finalisti del Premio internazionale "Art Contest". Si è occupata della comunicazione di alcune associazioni di volontariato del Vibonese. Tra queste l'associazione di psicologi e psichiatri "MiPiAci". 

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: