Bucita, torna l'incubo speculazione sulla discarica - VIDEO

Torna al centro della questione ambientale territoriale, dopo essere stata per anni oggetto di attenzioni e proteste. Sull’ex sito di conferimento consortile, tra i più importanti della Calabria avviato verso la definitiva bonifica, sarebbe riapparso lo spettro della speculazione

di Marco  Lefosse
giovedì 10 maggio 2018
13:31
1 condivisioni
La discarica di Bucita
La discarica di Bucita

Torna al centro della questione ambientale territoriale la discarica di Bucita, dopo essere stata per anni oggetto di attenzioni e proteste. Sull’ex sito di conferimento consortile, tra i più importanti della Calabria e oggi avviato verso la definitiva bonifica, sarebbe riapparso lo spettro della speculazione. E a preoccupare le associazioni ambientali del comprensorio ionico è proprio la fase di revamping, finanziata dalla Regione Calabria che sta interessando l’area e in particolare i lavori di keeping effettuati di recente per mettere al sicuro la grande buca della discarica e limitare, così, la produzione di percolato.

 

Terra e popolo lancia l'allarme speculazione

«In realtà – è quanto sostiene Flavio Stasi, del movimento Terra e Popolo - la copertura, costata in variante oltre 600mila euro e realizzata da pochi mesi, sarebbe già saltata, probabilmente a causa degli ultimi eventi atmosferici. Uno spreco di soldi pubblici – ha dichiarato Flavio Stasi – perché come avevamo già annunciato, questi interventi di copertura provvisoria senza un piano di caratterizzazione e la bonifica della discarica pubblica di servizio del’impianto, che noi chiediamo da anni. Oggi, dopo che la regione ha speso circa 600mila euro, a distanza di pochissimo tempo scopriamo che la copertura è sostanzialmente inutile. Ciò significa che l’acqua piovana andrà a creare ulteriore percolato, che saranno necessarie altre spese per il prelievo e lo smaltimento del percolato stesso, ma soprattutto significa altro inquinamento per il nostro territorio. Qualcuno dunque – ha concluso Stasi – ci dovrebbe spiegare che fine hanno fatto questi 600mila euro. Se davvero sono stati investiti e come!»

E si tratterebbe solo del progetto provvisorio. “pensate quanto ci costerà la copertura definitiva!”, ironizza ancora Stasi.

 

«Attendiamo fiduciosi chiarimenti e risposte urgenti da parte dei responsabili»

«È evidente – conclude Stasi -che, qualora non venga chiarita la situazione, saremo costretti a rivolgerci nuovamente alla Procura della Repubblica e questa volta anche alla Procura della Corte dei Conti, chiedendo evidentemente se i seicento mila euro di soldi dei calabresi, ai quali vanno aggiunti i costi di raccolta e smaltimento del percolato, siano stati effettivamente spesi nell'interesse della collettività o meno».

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: