Legambiente chiede maggiore coerenza ai comuni calabresi - VIDEO

Il responsabile nazionale aree protette e biodiversità di Legambiente chiede maggiore impegno ai comuni calabresi per difendere e tutelare il territorio

di Rossella  Galati
domenica 8 luglio 2018
11:31
11 condivisioni

Quello calabrese è uno dei territori più interessanti dal punto di vista naturalistico e ambientale che con i suoi parchi e le aree protette offre paesaggi variegati, di straordinaria bellezza. Una bellezza che però per Legambiente spesso si scontra con la superficialità di chi questi territori dovrebbe gestirli e tutelarli. «C'è un deficit da parte dei comuni che vivono queste esperienze in maniera semplicistica - afferma Antonio Nicoletti, responsabile nazionale aree protette e biodiversità - in realtà chi sta in un'area protetta dovrebbe essere virtuoso dal punto di vista della sostenibilità a livello generale. C'è la necessità che si ragioni a livello di sistema regionale di aree protette perché  è un sistema ancora estremamente precario».


A tutto questo si aggiungono inoltre i problemi legati al sistema di gestione dei rifiuti: «in questo senso c'è la necessità che i comuni siano più coerenti con le loro politiche». Dunque accanto a una gestione virtuosa dei rifiuti secondo il rappresentante nazionale di Legambiente, vi è anche l'opportunità di investire nelle energie rinnovabili sull'esempio di comuni come Sersale dove, oltre ad investire sul turismo, sull'accoglienza, sulla natura, si guarda al futuro puntando sulla sostenibilità.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: