OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Sport

VOLLEY | Caso “Tiffany”, la Golem difende le proprie azioni: “Seguite le regole”

Dopo le polemiche legate al tesseramento della giocatrice brasiliana, in attesa delle decisioni federali, la società reggina espone il suo punto di vista in un comunicato ufficiale

di Alessio Bompasso
mercoledì 22 febbraio 2017
09:11
3 condivisioni

Continua a far discutere il tesseramento, ed il successivo esordio in A2 femminile, di Tiffany Pereira de Abreau, l’opposto brasiliano nato uomo, in forza alla Golem Palmi. Dopo le polemiche dei giorni scorsi e, in attesa delle decisioni di Lega e Federazione chiamate in ballo da diversi club in disaccordo sull’ingresso in campo di una giocatrice con particolari doti fisiche come Tiffany, la società reggina fa chiarezza e spiega, in un comunicato ufficiale, difende le proprie azioni.

 

Seguite le regole. Tifanny Pereira de Abreu è dal 16 febbraio 2017 una giocatrice della Golem Volley.La sua storia personale è ormai nota alle cronache e quindi non ci soffermeremo ulteriormente su questo aspetto. Quello che c’interessa è affermare la nostra posizione e chiarire in modo definitivo ogni aspetto di questa vicenda da un punto di vista squisitamente sportivo e normativo.Tifanny Pereira de Abreu è una donna. Lo dicono i documenti di riconoscimento, il certificato di nascita, ma soprattutto lo dice il suo profilo ormonale, che rientra ampiamente nei limiti indicati dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO), organismo che ha tutte le competenze scientifiche per esprimersi in merito, affinché un individuo debba considerarsi a tutti gli effetti di genere femminile; non si possono pertanto prendere in minima considerare i commenti stupidi e di chi parla (a sproposito) ignorando che non è sufficiente eliminare i genitali maschili per essere classificati come donna. Non è necessario essere endocrinologi per sapere che la diminuzione della concentrazione di testosterone e l’aumento di ormoni femminili comporta una importante riduzione della massa muscolare, della forza, e conseguentemente una sensibile diminuzione dell’elevazione (circa 40 cm in meno) e della potenza della schiacciata. Ricordiamo inoltre a tutti, che non ci siamo intrufolati in un buco normativo, ma le regole sono chiare e definite da tempo in modo inequivocabile. Questo è per rispondere anche a chi ritiene che ci debba essere un’ulteriore direttiva da parte delle federazioni nazionali e internazionali o del CONI (che ha fatto gareggiare le transgender alle ultime olimpiadi). La domanda è: Tifanny è una giocatrice fuori categoria? A nostro avviso sì, perché sarebbe più adatta ad un palcoscenico come la A1 dove militano colleghe con le sue stesse qualità fisiche e tecniche, ad esempio Paola Egonu, Samantha Fabris, Brayelin Martinez, Valentina Diouf, solo per citarne qualcuna che milita nel campionato italiano. La questione è: è giusto che una giocatrice di questo livello militi in A2? A nostro avviso sì. Asserire il contrario sarebbe come dire che avendo le possibilità economiche e logistiche per accaparrarsi le prestazioni di uno dei top player sopracitati, non sarebbe giusto farlo perché fuori categoria per la A2. Tifanny ha sicuramente una fisicità importante che però non può costituire la discriminante rispetto alla possibilità o meno di giocare nel nostro campionato. Per la legislazione vigente, ma ancor prima per lei, è una donna, e solo tra le donne può giocare. Quale sarebbe la soluzione? Negarle il diritto di giocare? Inventare una lega a parte per chi ha deciso di essere ciò che sente di essere? Creare dei ghetti appositi come qualcuno ha anche ipotizzato? Continuiamo a non imparare dalle pagine più buie della nostra storia!!! Abbiamo fatto tutto seguendo le regole dettate dagli organismi preposti a prendere tali decisioni; secondo le regole difenderemo la nostra atleta, il nostro operato, la nostra società. “Chi si scandalizza è sempre banale: ma, aggiungo, è anche sempre male informato.”

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Giudice Lega Pro, mano pesante per Saraniti
Prossimo Articolo
LEGA PRO | Vibonese: oltre al danno, la beffa
Alessio Bompasso
Giornalista
Alessio Bompasso è nato il 2 agosto del 1983 a Vibo Valentia. Da “grande” sognava di fare il giornalista ed entrare nelle case dei calabresi per raccontare le notizie giornaliere. Il sogno si è trasformato in realtà, approdando a Rete Kalabria (ora LaC) nel 2008. Il suo appeal da “normal person” lo rende tra i più apprezzati anchorman calabresi. Non ama prendersi troppo sul serio, ma quando si parla di sport si trasforma in una “macchina da guerra” (questo è il suo soprannome nell’ambiente). Sorriso smagliante e ritmo tambureggiante, le sue armi principali. Cocciuto e puntiglioso, i suoi difetti. Calcio e pallavolo, i suoi punti di forza ( ha  praticato entrambe le discipline ma non è mai stato un fenomeno, da li la scelta, più azzeccata, di raccontare lo sport attraverso le colonne di un quotidiano o le immagini della Tv). Ama le statistiche e nei suoi articoli non disdegna di inserirle qua e là. Dal 2013 è corrispondente sportivo, dalla provincia di Vibo Valentia, per la “Gazzetta del Sud”. Ha avuto il pregio e l’onore di ricevere parecchi riconoscimenti in giro per la Calabria, ma, il suo premio più importante lo ritira ogni giorno, entrando, in punta di piedi, nelle case dei calabresi. Come sognava di fare da “grande”. Mail: bompasso@lactv.it

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: