OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Sport

SUPERLEGA | Callipo costretta a tifare per l’acerrima nemica Sora

I laziali affrontano Ravenna e solo una vittoria potrebbe frenare la corsa play off dei romagnoli. Intanto a Vibo sbarca il terzo incomodo: Latina

di Alessio Bompasso
mercoledì 22 febbraio 2017
12:10
Condividi

Nessuno pensava ad un finale di stagione così. Nessuno avrebbe mai immaginato la Callipo Vibo fuori dai play off a due giornate dal termine della regular season. Eppure, è così. A pesare come un macigno sulle spalle dei giallorossi l’andamento lento nella seconda parte della stagione che ha permesso a Ravenna non solo di recuperare i cinque punti di svantaggio accumulati ma anche di imporre un +3 in classifica che fa paura.

 

Sora è l’ago della bilancia. Dopo la sconfitta con Sora, la Tonno Callipo non è più padrona del proprio destino, passato, di fatto, nelle mani dei laziali che stasera affronteranno i romagnoli nel turno di campionato più infuocato dell’anno. Sperando in un successo dell’acerrima nemica Vibo Valentia dovrà comunque vincere nettamente contro Latina. L’altro incomodo che Coscione e compagni si sono ritrovati addosso dopo un mese nero.

 

Questioni di punti di vista. La compagine laziale è tra le squadre più in forma del campionato. Bagnoli ha dato nuova linfa a Fei, Sottile e Maruotti e con l’ex Sisley in panchina è cresciuto anche il talento bulgaro Penchev. Insomma non proprio la squadra migliore da affrontare in un così delicato match. Oppure sì. Dipende dai punti di vista.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
SERIE A | Il Crotone pensa già alla “B”. Sullo sfondo c’è Fabio Grosso?
Prossimo Articolo
“Caso Tiffany”, il Brescia: «Con in campo tre trans vinceremmo il campionato»
Alessio Bompasso
Giornalista
Alessio Bompasso è nato il 2 agosto del 1983 a Vibo Valentia. Da “grande” sognava di fare il giornalista ed entrare nelle case dei calabresi per raccontare le notizie giornaliere. Il sogno si è trasformato in realtà, approdando a Rete Kalabria (ora LaC) nel 2008. Il suo appeal da “normal person” lo rende tra i più apprezzati anchorman calabresi. Non ama prendersi troppo sul serio, ma quando si parla di sport si trasforma in una “macchina da guerra” (questo è il suo soprannome nell’ambiente). Sorriso smagliante e ritmo tambureggiante, le sue armi principali. Cocciuto e puntiglioso, i suoi difetti. Calcio e pallavolo, i suoi punti di forza ( ha  praticato entrambe le discipline ma non è mai stato un fenomeno, da li la scelta, più azzeccata, di raccontare lo sport attraverso le colonne di un quotidiano o le immagini della Tv). Ama le statistiche e nei suoi articoli non disdegna di inserirle qua e là. Dal 2013 è corrispondente sportivo, dalla provincia di Vibo Valentia, per la “Gazzetta del Sud”. Ha avuto il pregio e l’onore di ricevere parecchi riconoscimenti in giro per la Calabria, ma, il suo premio più importante lo ritira ogni giorno, entrando, in punta di piedi, nelle case dei calabresi. Come sognava di fare da “grande”. Mail: bompasso@lactv.it

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: