OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Sport

CALCIO | Week-end amaro per le calabresi. Crotone ko in A. Derby alla camomilla in Lega Pro

Pitagorici battuti ai titoli di coda dalla Fiorentina mentre in terza serie Reggina e Vibonese sparano a salve ed il Cosenza cade in casa contro la Juve Stabia. Segno “X” per il Catanzaro

domenica 19 marzo 2017
21:21
4 condivisioni

Nessun sussulto. Tanti rimpianti. La Calabria del pallone archivia un altro fine settimana che ha regalato più lacrime che sorrisi. Piange il Crotone che contro la Fiorentina perde gioco e partita in zona “Cesarini”. Decisivo il timbro di Kalinic. Perdono anche Pescara, Palermo e soprattutto l’Empoli, ma a 9 partite dalla fine la salvezza resta sempre più irraggiungibile.

 

Rischia la retrocessione anche la Vibonese che resta in ultima posizione in Lega Pro. I rossoblu non vanno oltre lo 0-0 al “Granillo” contro la Reggina. Un risultato che premia i padroni di casa mai pericolosi se non in una occasione con Coralli nel finale di primo tempo. Poi solo Vibonese e due nitide palle gol costruite dai monteleonesi e fallite da Saraniti. Sulla prima il capitano centra in pieno l’incrocio dei pali, sulla seconda tira in bocca al portiere amaranto. Campilongo si mangia le mani ed i rossoblu restano in fondo alla graduatoria a -4 dal Melfi (vincente a Francavilla). I lucani rischiano una clamorosa rimonta portandosi a ridosso della stessa Reggina (-1) e Catanzaro (-2) con i giallorossi di Alessandro Erra fermati in casa dal Monopoli. Era stato Giovinco, su rigore, ad illudere le aquile punite, sempre dagli undici metri, da Ricucci.

 

Lacrime amare per il Cosenza asfaltato al “Marulla” da una ritrovata e dirompente Juve Stabia. I lupi si svegliano solo dopo aver subito tre gol dalle vespe che nel finale calano anche il poker chiudendo gioco e partita.  

 

Alessio Bompasso 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
Idee e progetti con il crowdfunding: a Paola due giorni di workshop
Prossimo Articolo
Catanzaro, abbandonano rifiuti: inchiodati dalle “fototrappole”
Alessio Bompasso
Alessio Bompasso
Giornalista

Alessio Bompasso è nato il 2 agosto del 1983 a Vibo Valentia. Da “grande” sognava di fare il giornalista ed entrare nelle case dei calabresi per raccontare le notizie giornaliere. Il sogno si è trasformato in realtà, approdando a Rete Kalabria (ora LaC) nel 2008. Il suo appeal da “normal person” lo rende tra i più apprezzati anchorman calabresi. Non ama prendersi troppo sul serio, ma quando si parla di sport si trasforma in una “macchina da guerra” (questo è il suo soprannome nell’ambiente). Sorriso smagliante e ritmo tambureggiante, le sue armi principali. Cocciuto e puntiglioso, i suoi difetti. Calcio e pallavolo, i suoi punti di forza ( ha  praticato entrambe le discipline ma non è mai stato un fenomeno, da li la scelta, più azzeccata, di raccontare lo sport attraverso le colonne di un quotidiano o le immagini della Tv). Ama le statistiche e nei suoi articoli non disdegna di inserirle qua e là. Dal 2013 è corrispondente sportivo, dalla provincia di Vibo Valentia, per la “Gazzetta del Sud”. Ha avuto il pregio e l’onore di ricevere parecchi riconoscimenti in giro per la Calabria, ma, il suo premio più importante lo ritira ogni giorno, entrando, in punta di piedi, nelle case dei calabresi. Come sognava di fare da “grande”.

Mail: bompasso@lactv.it

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: