OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Sport

CALCIO VIOLENTO | Il Catanzaro rischia grosso dopo i fatti di Melfi

Il giudice sportivo ha chiesto alla Procura federale di intervenire. Previste pene pesanti in certi casi. Dalla multa salata all’obbligo di dover disputare una o più partite a porte chiuse al Ceravolo o senza tifoseria al seguito in trasferta

di Alessio Bompasso
mercoledì 15 marzo 2017
11:33
1 condivisioni

Oltre al danno la beffa, verrebbe da dire. Il Catanzaro rischia grosso dopo i fatti di Melfi e l’aggressione di due dei suoi calciatori nel parcheggio del “Menti”. Il giudice sportivo di Lega Pro ha rimandato ogni decisione in merito alla Procura federale che per, responsabilità oggettiva, potrebbe punire in maniera pesante il club dei tre Colli. Forse con una multa. Forse sbarrando la strada ai propri tifosi in trasferta o le porte del proprio stadio per diverse partite. Staremo a vedere.

 

Il comunicato ufficiale. «Il Giudice Sportivo, letto il rituale rapporto del Commissario di Campo e del Collaboratore della Procura Federale in ordine agli incidenti provocati dai sostenitori della società Catanzaro al termine della gara nell’area parcheggio dell’impianto sportivo, riservata ogni decisione in merito, dispone che, al fine di ogni opportuna valutazione dei fatti stessi, venga acquisito a cura della Procura Federale un supplemento di indagini, anche mediante acquisizione dei rapporti delle forze dell’ordine».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articolo Precedente
LEGA PRO | Quando lo sport unisce
Prossimo Articolo
KARATE | Martina Di Cello, è sempre lei la più forte di tutte
Alessio Bompasso
Giornalista
Alessio Bompasso è nato il 2 agosto del 1983 a Vibo Valentia. Da “grande” sognava di fare il giornalista ed entrare nelle case dei calabresi per raccontare le notizie giornaliere. Il sogno si è trasformato in realtà, approdando a Rete Kalabria (ora LaC) nel 2008. Il suo appeal da “normal person” lo rende tra i più apprezzati anchorman calabresi. Non ama prendersi troppo sul serio, ma quando si parla di sport si trasforma in una “macchina da guerra” (questo è il suo soprannome nell’ambiente). Sorriso smagliante e ritmo tambureggiante, le sue armi principali. Cocciuto e puntiglioso, i suoi difetti. Calcio e pallavolo, i suoi punti di forza ( ha  praticato entrambe le discipline ma non è mai stato un fenomeno, da li la scelta, più azzeccata, di raccontare lo sport attraverso le colonne di un quotidiano o le immagini della Tv). Ama le statistiche e nei suoi articoli non disdegna di inserirle qua e là. Dal 2013 è corrispondente sportivo, dalla provincia di Vibo Valentia, per la “Gazzetta del Sud”. Ha avuto il pregio e l’onore di ricevere parecchi riconoscimenti in giro per la Calabria, ma, il suo premio più importante lo ritira ogni giorno, entrando, in punta di piedi, nelle case dei calabresi. Come sognava di fare da “grande”. Mail: bompasso@lactv.it

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: